Università pubblica gratuita? In Europa è già una realtà  

La proposta di Grasso è stata criticata duramente da Pd e Forza Italia. Ma dalla Germania alla Grecia, sono 9 gli Stati membri Ue dove gli studenti non pagano tasse. E siamo pure tra i meno generosi in quanto a esenzioni e borse di studio 

Studenti protestano a Napoli contro l'aumento delle tasse / ANSA/CESARE ABBATE

Il Pd, i centristi e Forza Italia l'hanno definita “demagoga”, “populista”, “il modo certo per svalutare le nostre università”. Il ministro Calenda la ha accostata perfino a Trump. Ma la proposta di abolire le tasse universitarie, avanzata dal presidente del Senato e candidato premier di Liberi e Uguali Pietro Grasso, è davvero cosi' “irrealizzabile” e “pericolosa per le fasce più deboli”, solo per usare alcune delle critiche che gli sono state mosse? Per diversi paesi europei non è cosi'. Anzi. L'università gratis è già una realtà in ben 9 dei 28 Stati membri dell'Unione europea, come rivela l'indagine annuale “Eurydice” della Commissione Ue.

Insostenibile per le casse pubbliche?

Ci sono paesi come la Germania e la Svezia, per esempio, che certo possono contare su ricche e solide finanze pubbliche. “Se lo possono permettere, insomma”, direbbe chi critica la proposta perché creerebbe un buco al bilancio statale. Eppure, succede anche in Grecia, paese che come noto non naviga certo nell'oro in quanto a erario pubblico. A completare l'elenco degli Stati Ue dove gli studenti universitari possono iscriversi senza sborsare nulla ci sono Danimarca, Slovenia, Malta, Cipro, Finlandia e Polonia. 

Un rischio per gli studenti più poveri?

Secondo un folto gruppo di critici, tra cui il già citato ministro Calenda, se la proposta di Grasso fosse attuata, “i cittadini meno abbienti che oggi sono esentati pagherebbero le tasse anche per quelli più ricchi”, riferendosi al fatto che un taglio delle rette universitarie produrrebbe un aumento generalizzato delle tasse. Vero o meno che sia, guardando ai paesi europei che applicano delle tasse d'iscrizione per gli atenei pubblici, l'Italia non fa certo una grande figura in quanto a generosità: ben il 90,2%, degli universitari paga una retta. In Francia, la percentuale è del 60,8, in Spagna del 70 e in Romania del 37. Solo Regno Unito, Portogallo, Olanda, Lussemburgo e Belgio fanno peggio dell'Italia, ma va detto anche che quasi tutti questi paesi garantiscono delle borse di studio a una quota di universitari ben più ampia: se da noi, a ricevere una borsa di studio è il 9,4% della popolazione studentesca, in Olanda, Belgio e Portogallo la quota si aggira intorno al 20%. In Lussemburgo, si arriva al 99%. Il Regno Unito è un caso a parte, perché ha abolito le borse di studio sostituendole con dei prestiti a tasso agevolato. 

Care tasse

Se in Italia 1 studente su 10 non paga tasse, è anche vero che chi lo fa deve sostenere rette tra le più alte d'Europa: si va dai 200 ai 2488 euro per le fasce di reddito più alte. In Francia, ci si ferma intorno ai 600.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Koala
    Koala

    Ma falla fenita....

Notizie di oggi

  • Attualità

    In Europa i popolari primo partito, exploit di liberali e verdi. La destra non sfonda

  • Attualità

    Greta “vince” le elezioni europee: le istanze ambientaliste hanno la maggioranza

  • Attualità

    Europee nel caos per gli italiani all’estero: “Oltre due ore in fila per votare” 

  • Europa Anno Zero - Il podcast

    Al voto ridendo (anche della stessa Ue)

I più letti della settimana

  • Europee, un pezzo d'Italia al voto per la Romania. E Salvini corteggia i socialisti di Bucarest

  • Elezioni europee, arriva il test per aiutare gli indecisi 

  • Nuove regole europee sui droni: non servirà l'autorizzazione per i più leggeri

  • Europee, c'è già un primo vincitore (parziale): l'affluenza. Mai così alta negli ultimi vent'anni

  • Migranti, cosa dice la lettera dell'Onu che accusa l'Italia di violazione dei diritti umani

  • Affare saltato sul debito della Grecia, investitori tedeschi perdono causa con la Bce

Torna su
EuropaToday è in caricamento