Al via il concorso #EUandME per giovani registi europei

Idee di cortometraggi da presentare entro il 31 ottobre. Offerto un contributo di 7500 euro per le 5 idee selezionate dalla giuria e dal voto online

Da venerdì 24 agosto i registi tra i 18 e i 35 anni potranno inviare la loro idea per un cortometraggio da realizzare con il contributo della Commissione europea. Il concorso fa parte del programma #EUandME volto a promuovere il coinvolgimento dei giovani in ambiti chiave della società e il ruolo dell’Unione europea nel mondo giovanile.

Come partecipare

Per presentare un progetto, i registi dovranno scegliere tra cinque temi: mobilità, sostenibilità, competenza/impresa, mondo digitale e diritti. Oltre alla sinossi del progetto di cortometraggio, i partecipanti devono inviare un video registrato con uno smartphone nel quale spiegano le motivazioni su cui si basa l’idea di film e allegare un link a un lavoro girato negli ultimi cinque anni. Ad eccezione del cortometraggio realizzato in passato, tutte le altre parti della candidatura andranno presentate anche in lingua inglese.

Per maggiori informazioni: https://europa.eu/euandme/en/yfc/

Selezione

Una giuria composta da cinque registi europei avrà il compito di selezionare dieci idee, due per ogni tema, che verranno poi sottoposte al voto del pubblico. Da gennaio 2019 verranno infatti presentate ogni settimana due idee di cortometraggio con lo stesso tema. Gli utenti potranno quindi votare e scegliere quali film verranno realizzati.

I cortometraggi

Entro il 30 aprile 2019 i vincitori dovranno produrre, girare e montare il proprio cortometraggio. Ognuno di loro riceverà un contributo di 7500 euro per i costi di realizzazione e potranno contare sull’aiuto di uno dei cinque registi professionisti che fanno parte della giuria. 

I film saranno presentati dagli stessi giovani registi nel corso di un evento che si terrà nel prossimo mese di giugno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venezia, la Lega chiede aiuto all'Ue

  • "In Italia i centri per migranti sono vuoti". E in 60mila 'fuggono' all'estero

  • Il dietrofront di Farage spinge i Tory che balzano a più 14 punti sui laburisti

  • Elezioni in Romania, sfida al secondo turno tra Iohannis e Dancila. Barna va forte solo all’estero

  • I Paesi Ue più 'pericolosi' per gli atei? Italia e Spagna

  • Triste primato per il sud Italia: tra i neo laureati i tassi d'occupazione più bassi dell'Ue

Torna su
EuropaToday è in caricamento