"Troppo tempo sui social mette a rischio il rendimento scolastico dei giovani"

Una ricerca svolta sugli adolescenti del Regno Unito mostra che troppi passano 3 o più ore al giorno online, e questo causa problemi di sonno e di conseguenza peggiori risultati nello studio

Quella dei social network sta diventando sempre più una mania, soprattutto per i giovani, che passano ore e ore a guardare e condividere foto, video a altro sulle diverse piattaforme online. Ma questo mette a rischio anche il loro rendimento scolastico, soprattutto quando sui social si passa troppo tempo di sera, cosa che causa problemi e riduzione delle ore di sonno. Lo afferma uno studio nell'Università di Glasgow pubblicato in anteprima dal Guardian.

A quanto pare più di un terzo degli adolescenti passa almeno tre ore al giorno sui social media, con un quinto di loro che dedica almeno cinque ore all'attività, hanno scoperto i ricercatori. E quelli che ci stanno tre ore o più al giorno hanno più probabilità di restare svegli fino a tardi. Andare a dormire tardi durante i giorni di scuola è un problema perché, sostiene lo studio, mette gli adolescenti a rischio di "scarso rendimento scolastico ed emotivo". Il sonno insufficiente nell'adolescenza è stato collegato poi a una serie di problemi di salute mentale e obesità. Inoltre la ricerca ha rilevato anche che gli utenti più assidui sono soliti svegliarsi anche durante la notte, una abitudine negativa che può essere causato dall'ansia di ricevere e controllare le notifiche o di leggere risposte a conversazioni online avviate ore prima.

"Abbiamo scoperto che gli adolescenti che passavano più tempo con i social media avevano più probabilità di addormentarsi tardi nei giorni di scuola e anche che di conseguenza tendevano a svegliarsi più tardi. In questo modo difficilmente riescono a recuperare le ore di sonno di cui hanno bisogno per studiare”, ha spiegato Holly Scott dell'Università di Glasgow, prima autrice dello studio.

I ricercatori hanno preso in considerazione i dati analizzati dal Millennium Cohort Study del Regno Unito, un'indagine rappresentativa a livello nazionale che mira a esplorare l'impatto della vita domestica sullo sviluppo di bambini e adolescenti. Lo studio si è concentrato sulle abitudini di quasi 12.000 ragazzini di età compresa tra 13 e 15 anni provenienti da tutto il Regno Unito. Secondo il rapporto, l'adolescente medio trascorreva una o tre ore sui social media ogni giorno. Un terzo, per lo più ragazzi, passava meno di un'ora al giorno sui siti. L'uso dei social media è stato classificato come "alto" per il 14%, che era attivo da tre a cinque ore e "molto alto" per il 21%, che era attivo per cinque o più ore. Le ragazze erano molto più “addicted” rispetto ai ragazzi con il 28% di loro che passava cinque ore o più sui social rispetto al 14% dei ragazzi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I lavoratori stranieri bocciano l'Italia: “Economia senza prospettive”. Meglio il Vietnam

  • Meloni contro l'Ue: “Blocca seggiolini auto anti-abbandono”. Ma è davvero così?

  • Cinque posti dove sei pagato solo per viverci. E c'è anche l'Italia

  • Migranti, M5s: "Porti chiusi senza intesa Ue". Ma la Francia: "Prima sbarchi, poi solidarietà"

  • Migranti, il governo tedesco si spacca sulla 'solidarietà' all'Italia

  • Regno Unito nuova Singapore, paura Ue: con la Brexit Londra mega paradiso fiscale

Torna su
EuropaToday è in caricamento