Primo prestito Erasmus in Italia, 200 studenti potranno fare un master all’estero

I soldi, grazie alla garanzia del Fondo europeo per gli investimenti, saranno concessi a condizioni molto piu’ favorevoli di quelle di mercato per sostenere studi post-laurea in uno dei 33 Paesi del programma

ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

In arrivo il primo prestito italiano per gli studenti grazie al progetto Erasmus. Il Fondo europeo per gli investimenti (Fei) e Emil Banca Credito cooperativo hanno firmato un accordo per erogare prestiti agli studenti di master in Emilia Romagna con il quale oltre 200 giovani potranno pagare i propri studi in uno dei 33 Paesi del programma. Grazie alle garanzie del Fei, Emil Banca potrà erogare fino a 2,7 milioni di euro di prestiti, fino ad un massimo di 18mila euro ciascuno e della durata massima di 8 anni, senza garanzie reali o personali a tassi molto inferiori rispetto a quelli di mercato.

Master & Back

Il progetto, denominato Master & Back, permetterà inoltre agli studenti di iniziare a restituire il capitale a partire da un anno dopo la conclusione del loro percorso di studi. Questo accordo dara’ “un ulteriore impulso al nostro obiettivo di promuovere l'apprendimento all'estero, aprendo la strada a un'ulteriore internazionalizzazione e cooperazione" negli studi, ha rivendicato il commissario all’Istruzione, Tibor Navracsics, mentre per il direttore esecutivo del Fei, Pier Luigi Giliber, “questo nuovo programma aiuta a colmare il gap finanziario che gli studenti affrontano quando scelgono di conseguire un master in un altro Paese” . Il progetto Master & Back esiste dal giugno 2015, con la cooperazione di banche e istituti di istruzione superiore in cinque Paesi tra cui l’Italia. All’interno di questo programma più di 3mila studenti dovrebbero poter ottenere un master all'estero grazie a garanzie per un valore di 8,5 milioni di euro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Via i fondi regionali ai Paesi Ue che non rispettano le regole di bilancio

  • Attualità

    Il Labour apre (ma non troppo) a un secondo referendum sulla Brexit

  • Attualità

    Perché l'attacco di Di Battista alla Francia "piace" alla Germania

  • Attualità

    Asse Parigi-Berlino: cos'è il Trattato di Aquisgrana. Che la Lega contesta 

I più letti della settimana

  • La guerra del Big Mac: il “Davide” irlandese sconfigge McDonald's. "Grazie all'Ue"

  • "Per la Germania sono finiti i tempi migliori", l'allarme degli industriali tedeschi

  • Che cos’è il franco Cfa che i 5 Stelle attaccano. E che ha poco a che vedere con i migranti

  • Strasburgo apre al reddito di cittadinanza: "Possibile co-finanziamento Ue"

  • Colpo a Orban e Kaczynski, Strasburgo taglia i fondi Ue a chi non rispetta lo stato di diritto

  • Caos Brexit, l'allarme dell'industria farmaceutica: "Rischi per pazienti in Ue e nel Regno Unito"

Torna su
EuropaToday è in caricamento