"Bamboccioni d’Europa": aumentano i giovani che vivono con mamma e papà. Non solo in Italia

L'Italia al terzo posto nella classifica dei Paesi in cui i ragazzi fino a 29 anni sono ancora a casa con i genitori ma il fenomeno è in crescita ovunque

Sorpresa: i ‘bamboccioni’ non sono solo in Italia. I figli in età da lavoro (16-29 anni) che vivono a casa con mamma e papà sono tanti soprattutto di Croazia (93,1 %), e Slovacchia (89,2 %), con il Belpaese sul podio della classifica (88,3 %) stilata da Eurostat. Ma il fenomeno è in realtà diffuso in tutta Europa. Nel 2017 in tutta l’Ue erano praticamente sette giovani su dieci (68,2%) a vivere ancora a casa dei genitori.

Erano praticamente sette giovani su dieci (68,2%) a vivere ancora a casa dei genitori. Sono soprattutto i figli maschi (73,3%) più inclini a recitare il ruolo di ‘Tangui’, rispetto alle coatanee dell’altro sesso (62,9%). In ogni Stato membro la proporzione di giovani donne all’interno del nido familiare risulta inferiore a quella degli uomini. Ma questo non cambia comunque la situazione in Paesi quali Malta e Croazia, dove otto ragazze su dieci restano a casa (82,4% e 82,3% rispettivamente).

Bamboccioni ‘made in Italy’, ma aumentano nell’Ue

Il fenomeno non si arresta. La quota di 16-29enni che vive a casa dai genitori aumenta dal 66% al 68,2% dal 2011 a oggi, periodo durante il quale si è assistito solo a momentanee leggere flessioni (-0,1%). In questo contesto l’Italia non si distingue come esempio di eccellenza. Nel 2008, anno dello scoppio della crisi, i giovani mammoni dello Stivale erano il 78,5%, al 2017 sono saliti all’84,%.

Non è una scelta

L’assenza di lavoro o un’occupazione poco retribuita sono certamente alla base del fenomeno per molti. Più di un quarto dei giovani europei di età compresa tra i 16 e i 29 anni (27,7%) risultava a rischio povertà o esclusione sociale nel 2017, con picchi superiori al 40% in Bulgaria e Romania. Praticamente in tutto il territorio dell’Ue 21,8 milioni di giovani risultavano in stato di vulnerabilità.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • L'idea che uno , appena maggiorenne, debba andare a vivere da solo è una panzana angloamericana che non corrisponde alla nostra tradizione. per cui smettetela di parlare di bamboccioni. Non c'è nente di male a vivere con i propri genitori e nemmeno con i nonni. Fa parte di una cultura, la nostra, che mette al primo posto la famiglie e l'individuo e non l'individualismo.

    • d'altronde i single sono dei veri zombie e fanno pena nelle loro casucce col loro cagnetto

Notizie di oggi

  • Attualità

    “Fondo monetario europeo? No, grazie”, il M5s boccia la proposta tedesca

  • Attualità

    “Brexit, il favore di Salvini a Farage: stop al rinvio e uscita immediata dall’Ue”

  • Lavoro

    Prodotti falsi, nell'Ue un business da 121 miliardi. Italia è tra i Paesi più colpiti

  • Attualità

    Cina e sicurezza, Lega critica l'Ue ma prova a mediare. Zanni: “Valuteremo rischi su Huawei”

I più letti della settimana

  • "Lasciate pignorare le case o niente soldi", l'Eurogruppo blocca i fondi per la Grecia

  • Cina, Prodi 'apre' al governo: "Italia intercetti la nuova via della seta". E sull'Ue: "Pane mezzo cotto"

  • Musulmani sotto attacco in tutta Europa. E 2 italiani su 3 non li accetterebbero in famiglia

  • Test alcolico pre-guida e sistema anti-distrazione: ecco i nuovi salva-vita obbligatori per le auto

  • Pensioni "care" e scuole senza fondi: sul sociale l'Italia spende più della Germania

  • Brexit, Londra esclude il No Deal (per ora). Cosa succede adesso

Torna su
EuropaToday è in caricamento