Oratori si diventa: agli alunni del Liceo Seneca di Roma il Premio New Generation del Parlamento Ue

Gli studenti premiati rappresenteranno l'Italia a Strasburgo per la simulazione di una riunione plenaria del Parlamento Ue in cui si confronteranno con gli allievi vincitori delle edizioni negli altri Stati membri

European Youth Event. Parlamento Ue, Strasburgo. EP

Va agli studenti del liceo Seneca di Roma l'edizione 2018 del Premio New Generation, organizzato dall’Ufficio di collegamento del Parlamento europeo in Italia. L'onorificenza, che premia le capacità oratorie degli alunni delle scuole medie superiori, aprirà agli allievi del Seneca di Roma le porte dell'eurocamera di Strasburgo. Toccherà infatti a loro cimentarsi, come portabandiera dell'Italia, in una simulazione di una plenaria del Parlamento europeo con studenti provenenti da tutti gli altri Paesi della Ue. 

Il Seneca ha prevalso in un contest di oratoria tenutosi al teatro la Cometa di Roma sugli alunni del Liceo Cristo Re, del Virgilio, del Santa Maria Ausiliatrice e del Vivona. L'obiettivo di tutti gli oratori scesi in pista era quello di convincere una giuria di giornalisti sulle loro proposte di modifica di alcuni articoli della strategia dell’Unione europea per la gioventù. 

La giuria era composta da Alessio Di Francesco, giornalista di Radio Radio, Tiziana Di Simone, di Radio 1 - Caffè Europa, Maria Antonietta Spadorcia, redazione politica TG2 e da Mariano Avagliano di Italia Camp. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I lavoratori stranieri bocciano l'Italia: “Economia senza prospettive”. Meglio il Vietnam

  • Meloni contro l'Ue: “Blocca seggiolini auto anti-abbandono”. Ma è davvero così?

  • Cinque posti dove sei pagato solo per viverci. E c'è anche l'Italia

  • Migranti, M5s: "Porti chiusi senza intesa Ue". Ma la Francia: "Prima sbarchi, poi solidarietà"

  • Migranti, il governo tedesco si spacca sulla 'solidarietà' all'Italia

  • Regno Unito nuova Singapore, paura Ue: con la Brexit Londra mega paradiso fiscale

Torna su
EuropaToday è in caricamento