Il caso della mucca Penka, condannata a morte per aver attraversato "illegalmente" il confine bulgaro

L'animale stava pascolando ed è arrivata in Serbia, Paese non membro, prima di essere riportata dal suo allevatore. Per le stringenti regole comunitarie dovrà essere abbattuta per essere entrata nell'Unione senza un regolare certificato sanitario

La mucca Penka in una foto di Change.org

"Salviamo la mucca Penka”. È diventato un caso internazionale, con addirittura una petizione al Parlamento europeo, quello della vacca bulgara che rischia di essere abbattuta per aver semplicemente fatto una passeggiata troppo lunga che l'ha portata ad attraversare “illegalmente” il confine con la Serbia.

Il caso

La mucca, che è incinta e dovrebbe avere un vitellino tra tre mesi, fa parte dell'allevamento di Ivan Haralampiev, nel piccolo villaggio di Kopilovtsi vicino al confine. Andando al pascolo si è allontanata un po' troppo, percorrendo circa 12 miglia e sconfinando così nel Paese della ex Jugoslavia. L'animale è stato restituito al suo padrone ma le autorità bulgare gli hanno detto che dovrà essere abbattuto a causa delle stringenti regole comunitarie sugli allevamenti. Essendo la mucca entrata in Bulgaria da un Paese terzo, il suo ingresso avrebbe dovuto rispettare il protocollo che prevede la presentazione di tutta una serie di certificati veterinari al confine. E così ora la mucca dovrà essere abbattuta, per quella che è chiaramente un'interpretazione davvero poco elastica delle regole.

La petizione

L'allevatore Haralampiev ha chiesto alle autorità che la risparmiassero e in suo sostegno è stata anche lanciata una petizione su change.org, indirizzata al Parlamento europeo, che è già stata sottoscritta da più di 21mila persone, su un obiettivo di 25mila. “Noi, firmatari di questa petizione, chiediamo all'Ue di fare un'eccezione per motivi compassionevoli per Penka e a non abbatterla”, si legge nel testo. “Crediamo – continua la petizione - che il caso di Penka rifletta una mancanza di compassione da parte della burocrazia dell'Unione europea per la gente comune, come il proprietario di Penka, che è completamente sconvolto”.

"Penka sta bene"

La mucca Penka "è in Bulgaria, attende che le autorità bulgare verifichino, mediante test, che sia pienamente in salute", ha spiegato oggi una portavoce della Commissione europea, spiegando che al momento l'animale sarebbe tenuto in quarantena e aprendo le speranze alla possibilità di salvarlo come chiede il suo allevatore. I test però, ha precisato la portavoce, “non sono ancora stati completati”, e quindi “non sono al corrente delle decisioni che le autorità bulgare possano aver preso”.

"C'è molto poco di burocratico quando si tratta delle norme che tutelano la salute dei nostri cittadini e la sicurezza alimentare, come pure la salute animale”, ha affermato ancora la portavoce difendendo le regole comunitarie che sono “molto chiare” e “normano quello che mangiamo, come viene prodotto e come i nostri animali vengono trattati”. La legislazione, per la Commissione “è molto chiara e ha un impatto su questa vicenda".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Obiettivo
    Obiettivo

    Unione Europea vuol dire anche questa caxxata...

  • E allora noi cosa dovremmo fare con gli immigrati....

Notizie di oggi

  • Lavoro

    Reddito di cittadinanza, il governo tedesco “difende” la misura dei 5 stelle

  • Attualità

    Brexit, c'è l'accordo tecnico. May convoca una riunione straordinaria del governo

  • Attualità

    Il Parlamento Ue con i rom e le altre minoranze: basta apolidia e discriminazioni

  • Lavoro

    Tetto ai costi delle chiamate, rescissioni più facili e 5G: ecco il nuovo codice europeo delle telecomunicazioni

I più letti della settimana

  • Benzina, l'Ue contro gli sconti in Lombardia: toglieteli o vi multiamo

  • Il Belgio riattiva il reattore nucleare di Tihange, il più “vetusto e pericoloso”

  • "Deputato M5s ha mentito sulla laurea", l'accusa a Valli. Che si autosospende

  • “Umiliazioni e punizioni corporali”, scandalo all'università cattolica

  • Libia, altro che migranti: Italia e Francia litigano per il petrolio

  • Bruxelles avverte l'Italia: no all'uso di fondi Ue per il reddito di cittadinanza

Torna su
EuropaToday è in caricamento