Sei paesi Ue contro i tagli alla Pac. Confagricoltura: “L’Italia si unisca”

Nel prossimo bilancio settennale il rischio di una riduzione di quasi 3 miliardi per il nostro Paese. L’associazione lancia l’appello al governo Conte e al Parlamento europeo

Il presidente di Confagricoltura Giansanti

Il bilancio della Politica agricola comune (Pac) resti ai livelli attuali anche dopo il 2020. E’ quanto chiedono in una dichiarazione congiunta i ministri di Francia, Grecia, Finlandia, Irlanda, Portogallo e Spagna in vista del Consiglio Ue Agricoltura del 18 giugno a Lussemburgo. “Il nostro auspicio è che l’Italia decida di unirsi all’iniziativa”, dice Confagricoltura.

“Le proposte per il futuro bilancio della Pac – spiega il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti - nonostante l’apprezzabile conferma degli incentivi per gli agricoltori più giovani, risultano inadeguate e carenti sotto il profilo del supporto alla crescita economica e dell’occupazione”. Secondo le stime del Parlamento europeo, la Pac rischia di vedersi tagliare 43 miliardi nel bilancio 2021-2027 rispetto al precedente settennato. Per l’Italia i tagli potrebbero sfiorare i 3 miliardi.

“La Commissione europea - ricorda la Confagricoltura - ha proposto di ridurre i trasferimenti finanziari alle aziende di maggiore dimensione. In pratica, alle strutture più orientate agli investimenti e alle innovazioni che sono necessarie per assicurare uno sviluppo sostenibile, anche in termini di competitività”.

“E’ una proposta sbagliata sotto il profilo strategico - ha evidenziato la giunta di Confagricoltura -. Chiederemo al nostro ministro e al Parlamento europeo di risolvere questo problema di impostazione. Inoltre, pur nell’ambito di una indispensabile semplificazione, la Pac deve restare una politica comune in termini di bilancio e gestione operativa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un altro aspetto critico, segnala sempre Confagricoltura, è quello della cosiddetta “convergenza esterna” degli aiuti diretti della Pac. “Il divario degli importi erogati nei diversi Stati membri non può essere ridotto - dice Giansanti - perché è motivato dalla diversità dei costi di produzione fissi e variabili. Basti pensare, ad esempio, al costo del lavoro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Premier olandese: "L'Italia impari a farcela da sola". Conte: è quello che faremo

  • "Olanda, Lussemburgo e Irlanda fanno perdere all'Italia 8 miliardi l'anno"

  • La Svezia lancia una commissione d'inchiesta sulla strategia dell'immunità di gregge

  • La Francia chiude la centrale nucleare a rischio costruita ben 43 anni fa

  • Rackete: "Ue usa la scusa del coronavirus per lasciar morire i migranti in mare"

  • “Troppi Suv”, per l’Ue le auto nuove inquinano tanto perché sono più pesanti

Torna su
EuropaToday è in caricamento