38 milioni di migranti nel Mediterraneo per la fame. Barilla lancia l'allarme: "Puntare sulla sostenibilità"

Delle oltre 257 milioni di persone che migrano nel mondo il 14,9% del totale è rappresentato da quelle che lasciano quest'area a causa dell'insicurezza nel procurarsi cibo. Appello all'Ue per una nuova Pac che sia una “Politica Agroalimentare Comune”

Sono oltre 38 milioni le persone che emigrano dall'area del Mediterraneo, il 14,9% del totale, a causa dell'insicurezza alimentare, un fenomeno che l'Unione europea potrebbe combattere lavorando alla costruzione di un futuro più sostenibile per tutti. Lo mostrano i dati presentati ieri al Forum internazionale Barilla a Bruxelles.

Una politica agroalimentare europea

"Crediamo che l'Unione Europea, con il suo patrimonio e le sue competenze nel settore alimentare, possa e debba fare di più per raggiungere un futuro alimentare sostenibile per tutti”, ha spiegato Paolo Barilla, vicepresidente del Barilla Center for Food & Nutrition (Bcfn). “Abbiamo – ha continuato - 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile da centrare entro il 2030 e il cibo e il modo in cui lo produciamo giocheranno un ruolo fondamentale per riuscirci. Per questo motivo, riteniamo che l'Ue debba passare da una Politica Agricola Comune, orientata all'aumento della produzione, a una Politica Agroalimentare Comune che includa obiettivi di rendimento per la nutrizione e la salute”. Secondo il vicepresidente le decisioni che verranno prese in quest'ottica “avranno ripercussioni future sull'ambiente e potranno cambiare, o almeno influenzare, anche i flussi migratori”, e questo sarebbe un “cambiamento epocale”, che “passa da tanti fattori, uno di questo sono i giovani e le donne, portatori da sempre di valori di cambiamento".

Il nodo emissioni

Nel convegno sono stati discussi e messi in relazione i temi della produzione agricola globale ed europea con quello delle migrazioni. I dati mostrano che il settore alimentare in Europa causa tra il 20% e il 35% delle emissioni di gas serra e a lungo andare i cambiamenti climatici rendono impossibile produrre cibo e causano migrazioni. Degli oltre 257 milioni di persone che migrano nel mondo, sono poco meno di 35 milioni (13,5% del totale di chi emigra) quelli che si spostano verso l'area del Mediterraneo, mentre oltre 38 milioni di abitanti (14,9% del totale) lasciano quest'area e lo fanno soprattutto a causa dell'insicurezza alimentare. Ed è una cifra molto alta se si pensa che si tratta dell'1,9% della popolazione che si sposta, rispetto allo 0,4% che lo fa per fuggire ogni anno dalla guerra. Una Politica agroalimentare comune si dovrebbe fondare, nell'idea avanzata al convegno, su un approccio integrato al cibo che guardi anche agli aspetti di salute, nutrizione e sostenibilità.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Lo 0,4% effettivamente fuggono dalla guerra...tutto il resto sono clandestini economici....Allora che caxxo ci fatto tutti gli africani che abbiamo in Italia? Teniamoci solo lo 0,4% ed il resto a calci nel sedere per rispedirli a casa loro.

  • Potremmo mai ospitare 35 milioni? Perché così sarà se non si fa qualcosa

Notizie di oggi

  • Attualità

    Via i fondi regionali ai Paesi Ue che non rispettano le regole di bilancio

  • Attualità

    Il Labour apre (ma non troppo) a un secondo referendum sulla Brexit

  • Attualità

    Perché l'attacco di Di Battista alla Francia "piace" alla Germania

  • Attualità

    Asse Parigi-Berlino: cos'è il Trattato di Aquisgrana. Che la Lega contesta 

I più letti della settimana

  • La guerra del Big Mac: il “Davide” irlandese sconfigge McDonald's. "Grazie all'Ue"

  • "Per la Germania sono finiti i tempi migliori", l'allarme degli industriali tedeschi

  • Che cos’è il franco Cfa che i 5 Stelle attaccano. E che ha poco a che vedere con i migranti

  • Strasburgo apre al reddito di cittadinanza: "Possibile co-finanziamento Ue"

  • Colpo a Orban e Kaczynski, Strasburgo taglia i fondi Ue a chi non rispetta lo stato di diritto

  • Caos Brexit, l'allarme dell'industria farmaceutica: "Rischi per pazienti in Ue e nel Regno Unito"

Torna su
EuropaToday è in caricamento