Dall'acciaio a vino e prosciutti: è allarme a tavola per una possibile guerra commerciale Ue-Usa

Il ripristino dei dazi sull'acciaio europeo rischia di innestare una guerra commerciale che si farà sentire soprattutto a tavola: a rischio una bella fetta dei 4 miliardi di export di qualità italiano negli Usa

Salone del gusto di Torino. ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

Dall'acciaio a vino, olio, prosciutti e formaggi. La probabile decisione dell'Amministrazione Trump di non confermare l’esenzione, in scadenza il prossimo 1 giugno, dei dazi sulle importazioni di acciaio e alluminio in partenza dalla Ue, rischia di essere la miccia di una guerra commerciale tra le due sponde dell'Atlantico che avrà pesanti ripercussioni sul nostro export agroalimentare. A lanciare l'allarme, per ora ancora preventivo, è Cofagricoltura. “Se le notizie saranno confermate, c’è il rischio di una pericolosa escalation di ritorsioni e contromisure che avrebbe pesanti contraccolpi sul settore agroalimentare”, ha affermato oggi il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti. “E l’agroalimentare italiano - aggiunge - correrebbe gravi rischi, se partisse una guerra commerciale tra le due sponde dell’Atlantico”.

Un mercato da oltre 4 miliardi di euro all'anno

Per le esportazioni agroalimentari italiane, con oltre 4 miliardi di euro l’anno, quello statunitense rappresenta il primo mercato di sbocco fuori dalla UE e il terzo in assoluto. E i vini incidono per il 35% sul totale dell’export. “Va fatto ogni sforzo nel poco tempo che resta a disposizione - ha auspicato il presidente di Confagricoltura - per trovare una soluzione condivisa sui dazi e avviare un negoziato bilaterale per regolare il contenzioso. Potrebbe essere proposta anche una riforma dell’Organizzazione mondiale del commercio, tenendo conto di tutti gli effetti determinati dalla globalizzazione”.

Denominazioni e indicazioni di origine nel mirino Usa 

Confagricoltura ricorda che tra le contestazioni mosse da tempo dagli Stati Uniti nei confronti della Ue, spiccano le regole riguardanti gli organismi genericamente modificati, l’uso degli ormoni negli allevamenti e l’etichettatura dei vini. L’Organizzazione degli imprenditori agricoli segnala che, di recente, sono finite sotto osservazione anche le misure varate da alcuni Stati membri sull’indicazione dell’origine.

Secondo quanto evidenziato in un rapporto diffuso a metà aprile dall’Ufficio del Rappresentante commerciale dell’Amministrazione Usa, le misure in questione possono costituire un ostacolo per le esportazioni statunitensi. Per quanto riguarda l’Italia, la contestazione è diretta in modo esplicito i decreti ministeriali relativi all’indicazione dell’origine dei prodotti lattiero-caseari, della pasta e dei derivati del pomodoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Germania dice no a controllo febbre in aeroporto: "Non serve"

  • Coronavirus una creazione americana? "Fake news partita dalla Russia"

  • Coronavirus, crollano le borse. Il re della finanza: “Meglio per noi"

  • “Il Carnevale è antisemita, sia vietato”, Israele contro i carri di Aalst

  • Coronavirus, Ue contro Salvini: "Deplorevole uso crisi a fini politici"

  • Coronavirus, Lega contro Lega: in Ticino vogliono chiudere la frontiera con la Lombardia

Torna su
EuropaToday è in caricamento