Dalla Bei 650 milioni a FerrovieNord per l'acquisizione di 161 treni

Tra gli stanziamenti approvati dalla Banca europea degli investimenti anche 95 milioni per l'ampliamento del campus della Luiss di Roma

ANSA - DRN

Un prestito da 650 milioni di euro a FerrovieNord per l'acquisto di 161 treni. E 95 milioni alla Luiss per l'ampliamento del campus universitario a Roma. Sono questi due degli stanziamenti approvati ieri dalla Bei, la Banca europea degli investimenti. 

In totale, la Bei ha dato il via libera a 5,8 miliardi di euro di finanziamenti negli Stati Ue, ma anche in America Latina e Africa. I nuovi investimenti riguardano energia, telecomunicazioni, trasporti, progetti di sviluppo urbano e programmi di prestito alle imprese. Tra questi 1,4 miliardi di euro andranno all'estensione della metropolitana a Stoccolma e all'acquisizione di 161 treni da parte di FerrovieNord in Lombardia.

La Bei ha inoltre deciso di sostenere il piano di investimenti 2016-2020 per lo sviluppo del Campus dell'Università Luiss di Roma in Italia con 95 milioni di euro.
Stanziato anche un prestito di 350 milioni per il sostegno alle Pmi italiane e 37 milioni per progetti di ricerca e sviluppo.

"I progetti approvati oggi rafforzano l'azione della Banca europea nei settori dell'efficienza energetica, delle infrastrutture sociali e del sostegno alle Pmi. L'utilizzo delle risorse dell'Ue per sostenere prestiti e garanzie funziona”, ha affermato Werner Hoyer, presidente della Banca europea per gli investimenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Svastiche? Vi abituerete”. Giapponesi dicono ‘no’ alla censura del simbolo durante Tokio 2020

  • Rissa davanti a Macron tra agenti israeliani e francesi: "Con me questo non lo fate"

  • Dai migranti alle armi, ecco come l’Ue si prepara a cambiare la missione Sophia

  • Gli psichiatri vogliono i dati riservati dei social per prevenire i suicidi dei giovani

  • Il mercato degli animali esotici dove è esplosa l'epidemia che spaventa il mondo

  • Libia, la tregua è già finita. E Macron sfida Italia e Germania

Torna su
EuropaToday è in caricamento