"Università e puttane", oggi a Bruxelles il libro che mette a nudo il mondo dei baroni universitari

A partire dalle 19, alla Piola Libri di rue Franklin 66. A intervistare l'autore Matteo Fini ci sarà il blogger Francesco Cardarelli

La storia è (forse) ormai nota: un autore, Matteo Fini, che da oltre 15 anni si occupa di ricerca, didattica e formazione, per anni in Università e oggi nel privato, che vuole scrivere un libro su quello che succede dentro l’Università italiana, lo comunica su Facebook e riceve minacce e diffide.

La notizia si diffonde e le squadre si schierano: il circolino dei professoroni che lo accusano, il plotone dei precari dell’Università e studenti che lo proteggono. Uniti entrambi dalla stessa situazione: i professoroni che sanno che all’università la meritocrazia non è al primo posto, gli studenti e il multiforme plotone dei ricercatori precari che conoscono la situazione e “tifano” per un romanzo che ha il coraggio di raccontare come stanno le cose.

Il libro diventa prima uno uno spettacolo teatrale che l’autore porta in giro per l’Italia con successo. E poi, il 23 novembre 2017, arriva finalmente su carta: “Università e puttane”, edito da Priuli & Verlucca, senza annunci, senza promozioni, ma l’attesa enorme fa da lancio tant’è che editore e librerie non son pronte alle numerose richieste e anche i digital store vanno in tilt.

Un libro nato sui social, diventato virale grazie ai lettori che prima l’hanno invocato, supportato, condiviso e poi adottato e promosso. Come dimostrano le centinaia di foto in posa da copertina che l’hanno reso virale già a pochi giorni dalla pubblicazione. Come a voler dire: questo libro lo hai scritto tu, ma dentro ci siamo tutti noi.

Il libro sarà presentato oggi 22 marzo 2018, a partire dalle 19, alla Piola Libri di Bruxelles, in rue Franklin 66. Nella bellissima cornice della libreria, l’autore racconterà questa lunga, estenuante ma divertente, avventura al giornalista Francesco Cardarelli che modererà l’intervento, davanti al gruppo degli Italiani a Bruxelles e a chiunque voglia farsi un viaggio dentro questa storia italiana, interessante,  intrigante, a tratti mortificante, divertente. Piena di sofferenza, di fastidio, ma anche di bellezza, passione e tanto amore.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Lavoro

    Perché il reddito di cittadinanza non può andare solo agli italiani

  • Attualità

    Brexit, ultimatum Ue a May: soluzione sul confine irlandese entro ottobre

  • Attualità

    Tagli a stipendi e fondi per partiti, il M5s chiede all'Ue una spending review da 900milioni

  • Ambiente

    Tav, la commissaria Ue: "Il governo mi ha assicurato che andrà avanti"

I più letti della settimana

  • "McDonald's non ha pagato le tasse". Ma è tutto in regola

  • Auto, nuovo scandalo: i big tedeschi avrebbero bloccato la diffusione di veicoli "puliti"

  • Il populismo di sinistra e anti-migranti che soffia in Europa

  • "L'aborto non è un omicidio, corretto censurare chi lo dice"

  • Pugliesi e calabresi tra i meno "social" d’Europa

  • “Sei in macchina? Qui non entri”. Il caso della città 'senza auto' tornata a crescere 

Torna su
EuropaToday è in caricamento