L`Europeo... a Londra

L`Europeo... a Londra

"Con la Brexit siamo a corto di cuochi. E anche il cibo made in Italy è a rischio"

La denuncia di Maurizio Amodio, assistant manager di Novikov, uno dei ristoranti più noti a Mayfair, quartiere del lusso di Londra: "Prima ricevevamo 20 curriculum al giorno, adesso appena 3. E temiamo di non poter usare più i prodotti italiani di nicchia"

Maurizio Amodio, assistant manager del Novikov London

“Sono due anni che siamo in piena Brexit anche se a Westminster ancora non se ne sono accorti". È il commento tagliente di Maurizio Amodio, assistant manager al Novikov London, ristorante che sorge nel cuore del lusso londinese, nella zona di Mayfair. Lamborghini e Ferrari sfrecciano tra borse Gucci e Dior nel cuore di un quartiere ad alta densità di italiani. Non di residenti, ben intesi, quanto piuttosto lavoratori e professionisti dell`hospitality. “In otto anni di Novikov ho visto passare di qui più di 5 mila italiani. Ho visto 'scenziate', biologi, astronauti, che arrivano a Londra per mettersi in gioco”. 

Un esercito di umanità varia e disparata in cerca di opportunità. Quelle che non trova in Italia. Laureati, sommelier, cuochi, o semplicemente giovani alla prima esperienza, si ritrovano al Novikov, come in tutti i ristoranti londinesi, per formare una comunità nella comunità. 

Ma il 23 giugno del 2016, data del referendum per l`uscita dalla Ue del Regno Unito, qualcosa si è rotto. “La Brexit ha creato una grave incertezza nelle persone. Prima ricevevamo 20 curriculum al giorno, oggi ne arrivano 20, ma in una settimana”. 

È sparita una intera generazione 

“In più, da tre anni a questa parte abbiamo notato che cambia l`anagrafica e la geografia di chi parte. È sparita una intera generazione. Al Novikov, infatti, arrivano under 25 e over 35. La fascia intermedia non parte più, o meglio non ricerca più lavoro nella hospitality”.  

A questo deve aggiungersi che sono in fuga anche i professionisti del settore. “Dove sono gli stagionali estivi e invernali? E le professionalità della hospitality? Mancano maître, camerieri, i cuochi d'esperienza. Abbondano, invece, i laureati che arrivano nella ristorazione per pagarsi studi o come primo lavoro a Londra. Ma su questi non possiamo costruire carriere. Sono solo di passaggio prima di imboccare nuove strade”.

A cercare fortuna a Londra nell'hospitality sono prevalentemente meridionali. “Da Roma in giù”, precisa Amodio che invita a riflettere sulla condizione lavorativa del nostro Paese che rinuncia troppo facilmente alle sue energie più fresche. 

Ma fa rabbia, perchè all`estero il Bel Paese è apprezzato. Le sue tradizioni, valori, cucina e prodotti, vanno forti. E qui arriviamo ad un altro punto dolente per l`hospitality.  

A rischio l`originalità dei prodotti 

“Abbiamo sempre voluto offrire una cifra unica: prodotti italiani di nicchia”. Ma questo, oggi, è messo in discussione. “La qualità del prodotto è difficile da trovare. Con l'incertezza Brexit il rapporto tra produttori e fornitori si è compromesso. Con il quadro attuale, infatti, i fornitori trovano più facile rivolgersi ad altri mercati per reperire il prodotto che poi ci propongono”, continua Amodio. 

Le conseguenze? Sono tutte per il cliente russo, arabo e inglese. “Sul menù non avremo più pomodorino ciliegio di Pachino, ma cherry tomato, che è tutta un'altra cosa”. Per non parlare della mozzarella, che vede un proliferare di produzione made in Uk. Questo finisce, inevitabilmente, per impattare globalmente e localmente. Incide su tutta la filiera che dal produttore locale italiano si perfeziona nei piatti elaborati serviti da Leeds a Londra, incide sulla qualità. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Esito? Conto salato per tutti. È questo il prezzo della Brexit, nolente o volente. E il piatto è servito.

L`Europeo... a Londra

Un osservatorio sulle vite degli italiani a Londra. Che impatto sta avendo la Brexit sulle persone? Come reagisce la comunità italiana all`incertezza di un clima che cambia rapidamente? Lo scopriremo raccontando le storie di chi ha scelto Londra e di chi la ama. Tra croce e delizia, amore e odio

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
EuropaToday è in caricamento