Facebook sta sviluppando "intelligenza artificiale per bloccare bulli e fake news"

Mark Zuckerberg a Bruxelles ha risposto alle domande degli eurodeputati nel corso di un incontro trasmesso in diretta streaming: "Prioritario evitare interferenze alle prossime elezioni europee"

Il CEO di Facebook Mark Zuckerberg durante l'incontro al Parlamento Ue

Nei prossimi anni "il nostro obiettivo sarà quello di sviluppare strumenti di intelligenza artificiale, e assumere altro personale, per controllare in modo proattivo i contenuti che entrano nel sistema e rimuoverli". Lo ha annunciato il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg durante il suo intervento al Parlamento europeo a Bruxelles.

Fake news e bullismo

Zuckerberg ha risposto alle domande degli europarlamentari, affrontando tutti i temi legati alle polemiche che hanno coinvolto Facebook negli ultimi anni, dallo scandalo Cambridge Analityca al terrorismo, passando per fake news e bullismo.  "Il bullismo e altri comportamenti simili - ha detto - non devono avere alcun posto nei nostri servizi. Per ottenere questo dobbiamo migliorare la nostra strategia". Come? Attraverso proprio l'intelligenza artificiale, che servirà anche a contrastare false notizie e possibili interferenze nelle elezioni.

Interferenze elettorali

"Ci saranno molte elezioni importanti in Europa quest'anno e l'anno prossimo, dalla Slovenia alla Svezia alla Polonia e ovviamente le elezioni europee: è una nostra priorità evitare che qualcuno che possa interferire come è accaduto per la Russia nelle elezioni americane", ha spiegato Zuckerberg. "Nel 2016 siamo stati troppo lenti nell'individuare le influenze russe nelle elezioni Usa, non eravamo abbastanza preparati. Ma da allora abbiamo investito in maniera significativa", ha aggiunto.

Lo scandalo Cambridge Analityca

Inevitabile il riferimento allo scandalo Cambridge Analityca, legato proprio alle intereferenze russe nella campagna elettorale Usa ma anche al referendum sulla Brexit nel Regno Unito: "Ci scusiamo per l'errore commesso, ci vorrà del tempo ma il nostro impegno è quello di rimediare - ha detto il fondatore di Facebook - Ci impegniamo a stanziare investimenti sufficienti per aumentare la sicurezza", perché "mantenere le persone sicure è più importante che fare profitti. Dobbiamo fare di tutto affinchè il caso di Cambridge Analytica non si ripeta".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Fake News? E con che criterio deciderà cosa sono fake news? E' un'altro modo per bloccare lo scambio di idee, visto che il popolo usa Facebook anche per protestare contro certe ingiustizie e contro la tirannia dell'Europa e dei Governi che ci ignorano e pensano solo alle banche e affini, un altro modo per pilotare le elezioni dove vuole l'Europa e i potenti del mondo. Io troverò un'altra piattaforma per protestare ed esporre liberamente le mie idee senza interferenze di sorta. Altra possibilità sarà la rivoluzione in strada e, quando capiterà, non ci saranno intelligenze artificiali a salvarvi dalla nostra rabbia!

Notizie di oggi

  • Attualità

    "Regole Ue anti fake news una totale stronzata, minacciati da Google e Facebook"

  • Attualità

    Candidata denuncia molestie, il partito la mette fuori lista: il caso che scuote la Svezia

  • Attualità

    Accusati truccare i test d'inglese, Londra espelle centinaia di studenti stranieri

  • Attualità

    Elezioni europee, arriva il test per aiutare gli indecisi 

I più letti della settimana

  • Tensione tra Italia e Austria: "Siete come la Grecia", "Pensi prima di parlare"

  • "Il vero volto dei sovranisti Ue: al fianco delle lobby e contro famiglie e lavoratori"

  • Anche la Germania apre ai monopattini elettrici

  • Meloni: "Far votare i militari all'estero". Ma dimentica 3 milioni di italiani

  • "L'Ue impone all'Italia di dare le case popolari ai rom". Ma è una bufala

  • Migranti, cosa dice la lettera dell'Onu che accusa l'Italia di violazione dei diritti umani

Torna su
EuropaToday è in caricamento