"Deputato M5s ha mentito sulla laurea", l'accusa a Valli. Che si autosospende

Secondo quanto ricostruito dal Sole 24 Ore, l'europarlamentare ed esperto del Movimento sulle questioni finanziarie, non avrebbe mai conseguito il titolo dichiarato al suo arrivo a Strasburgo. E adesso del suo curriculum non vi è traccia sul web

valli

Al Parlamento europeo si è distinto per le sue posizioni in campo economico e le sue "bacchettate" vis à vis al presidente della Bce Mario Draghi. Forte anche del curriculum presentato agli attivisti del Movimento 5 stelle che lo votarono nel 2014, in cui campeggiava una laurea in Economia aziendale alla Bocconi. Peccato pero' che, stando a quanto ricostruito dal Sole 24 Ore, quella laurea, l'eurodeputato grillino Marco Valli non l'abbia mai presa. Tanto che adesso sarebbe a rischio espulsione. Lui, nell'attesa, ha deciso di autosospendersi.

Che qualcosa non quadri con i titoli di Valli lo si intuisce anche dal fatto che il suo curriculum sia scomparso dal web: non c'è sul sito del Parlamento europeo, non c'è sul suo sito personale e neppure nelle pagine web ufficiali del M5s. A Bruxelles, gira voce che la laurea non sia mai esistita e che sulla sua posizione sarebbe fatta richiesta di intervento al collegio dei probiviri, l'organo disciplinare del Movimento chiamato a decretare sanzioni sugli iscritti. Sanzione che potrebbe portare alla sua espulsione dal M5s proprio a pochi mesi dalle elezioni europee che lo avrebbero potuto rivedere in corsa. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quella di Valli è l'ultima tegola sul Movimento al Parlamento Ue: dopo gli addii di Marco Affronte (passato ai Verdi), di Marco Zanni (passato alla Lega) e di David Borrelli, di recente la delegazione di Strasburgo ha assistito all'addio polemico di Daniela Aiuto, che ha accusato la Casaleggio associati di interferenze nelle attività parlamentari e social degli eurodeputati, e alla fuoriuscita di Giulia Moi, sanzionata dal Parlamento per presunte molestie a un suo assistente e in precedenza finita nel calderone delle polemiche per la questione rimborsi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Noi lavoriamo per pagare le vacanze agli italiani", settimanale olandese contro gli aiuti Ue

  • La "Vespa cinese" troppo simile a quella Piaggio, Ue blocca lo scooter di Pechino

  • Barbecue con carne e vino mentre erano in servizio, inchiesta su tre poliziotti

  • Voli, voucher al posto del rimborso: Bruxelles striglia i governi. Ma rispondono solo in 12

  • Anche Orban contro il piano di aiuti Ue all'Italia: "Finanzia i ricchi coi soldi dei poveri"

  • "Isoliamo virus simili al Covid, ma pandemia non è colpa nostra": il laboratorio di Wuhan respinge le accuse

Torna su
EuropaToday è in caricamento