"Attenti allo spionaggio di Huawei", gli Usa fanno pressione sui Paesi Ue

Secondo la Reuters, gli Stati Uniti starebbero facendo una campagna per non far utilizzare le apparecchiature dell'azienda cinese nelle nuove reti 5G

Ansa EPA/HOW HWEE YOUNG

Gli Stati Uniti stanno facendo pressione sugli Stati europei perché non utilizzino le apparecchiature di Huawei nella realizzazione delle nuove reti di telecomunicazione 5G, in quanto queste metterebbero i Paesi a rischi di spionaggio cinese. Lo riferisce l'agenzia Reuters riportando le dichiarazioni di un funzionario del Dipartimento di Stato americano. Dopo aver incontrato la Commissione europea e il governo belga a Bruxelles, funzionari Usa hanno in programma di rivolgersi anche agli altri governi europei, per spiegare che Huawei rappresenta un rischio per la sicurezza.

"Stiamo dicendo che bisogna essere molto, molto cauti, e stiamo sollecitando la gente a non correre in avanti e firmare contratti con fornitori non fidati di paesi come la Cina", ha affermato il funzionario. Washington sta usando "più strade", tra cui colloqui in ambito Nato a Bruxelles e nelle conferenze internazionali di Barcellona e Monaco di Baviera. Su questo tema "l'Europa è sicuramente la nostra priorità", ha dichiarato. La pressione della Casa Bianca sugli alleati per boicottare Huawei nelle reti 5G era stata rivelata nel novembre scorso da un articolo del Wall Street Journal, in cui si parlava di una "straordinaria campagna di sensibilizzazione". Il governo Usa teme che Pechino usi le apparecchiature Huawei per fare spionaggio, un'accusa più volte respinta dalla compagnia di Shenzhen.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La compagnia cinese Huawei intanto ha offerto di realizzare un centro di sicurezza informatica in Polonia. Lo ha detto Tonny Bao, direttore della compagnia nel Paese. La società ha già creato laboratori simili in Germania e nel Regno Unito per rafforzare la fiducia nelle sue apparecchiature. Le autorità di Varsavia nel mese scorso hanno arrestato un dipendente della società cinese ed un ex funzionario della sicurezza polacca per spionaggio. Successivamente, il governo della Polonia ha annunciato l'intenzione di escludere le apparecchiature Huawei dalla sua futura rete 5G a causa delle preoccupazioni sollevate negli Stati Uniti, secondo le quali la tecnologia dell'azienda asiatica potrebbe essere equipaggiata con dispositivi backdoor. Il direttore regionale per gli affari pubblici di Huawei, Austin Zhang, ha detto che non vi è alcun motivo per il governo polacco di escludere l'azienda cinese dal suo futuro sviluppo della rete 5G.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Noi lavoriamo per pagare le vacanze agli italiani", settimanale olandese contro gli aiuti Ue

  • Una targa personalizzata Covid 19: "L'ho fatto per ricordare alle altre auto di tenere la distanza"

  • Voli, voucher al posto del rimborso: Bruxelles striglia i governi. Ma rispondono solo in 12

  • Barbecue con carne e vino mentre erano in servizio, inchiesta su tre poliziotti

  • Anche Orban contro il piano di aiuti Ue all'Italia: "Finanzia i ricchi coi soldi dei poveri"

  • Farnesina conferma: "Malta respinge i migranti verso l'Italia". Ma per l'Ue va tutto bene

Torna su
EuropaToday è in caricamento