L'Ue risponde a Salvini: “Ecco cosa abbiamo fatto per l’Italia”

Il ministro dell’Interno aveva accusato l’Europa di aver “danneggiato gli italiani”. Non si è fatta attendere la risposta di Bruxelles, che pubblica i numeri di investimenti e flessibilità

L’incontro tra il premier Giuseppe Conte e il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, caratterizzato dal consueto garbo istituzionale, è stato preceduto da un ennesimo botta e risposta tra il leader della lega Matteo Salvini e l'esecutivo comunitario. “L’Europa ha danneggiato l'Italia e gli italiani”, aveva accusato il ministro degli Interni a margine di un incontro alla Prefettura di Firenze, “e lezioni da chi ci ha portato in questa situazione gli italiani non ne prendono”, ha attaccato il vicepremier. Ma a stretto giro è arrivata la risposta da parte del portavoce di Juncker.

Le cifre

Margaritis Schinas ha twittato un’immagine contenente le cifre di “tutto il sostegno dell’Europa per l’Italia negli ultimi 4 anni”. La Commissione ricorda al leader del Carroccio che nel Belpaese sono stati finora investiti 9,7 miliardi grazie al Piano Juncker. “Si aspetta il via libera a 63,3 miliardi di ulteriori investimenti”, specifica il documento, che ricorda: “L’Italia, in termini assoluti, è il secondo più grande beneficiario del Piano”. 

Flessibilità sui conti

La Commissione evidenzia anche le cifre della flessibilità accordata a Roma negli ultimi anni. Cinque miliardi per il 2015, 14 miliardi per il 2016, sei miliardi per il 2017 e cinque miliardi per il 2018: soldi che l’Italia non avrebbe potuto spendere - secondo le regole europee sottoscritte dai Governi italiani - ma che invece, grazie alla concessione di Bruxelles, ha utilizzato negli ultimi anni. 

Aiuti ai terremotati 

Per far fronte ai danni dei terremoti che si sono verificati negli ultimi anni (a L'Aquila nel 2009, in Emilia-Romagna nel 2012 e nelle regioni centrali tra il 2016 e il 2017), nei territori colpiti sarebbero arrivati ben 2,5 miliardi dal Fondo europeo di solidarietà. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Netflix e Amazon Prime stanno uccidendo il cinema

  • Venezia, la Lega chiede aiuto all'Ue

  • La “locomotiva” rumena al voto, tra leader in carcere e proteste anti-sistema

  • "In Italia i centri per migranti sono vuoti". E in 60mila 'fuggono' all'estero

  • Il dietrofront di Farage spinge i Tory che balzano a più 14 punti sui laburisti

  • Elezioni in Romania, sfida al secondo turno tra Iohannis e Dancila. Barna va forte solo all’estero

Torna su
EuropaToday è in caricamento