Commissione Ue: “Preoccupati dall’odio contro i migranti in Italia”

La commissaria alla Giustizia presenta i risultati del Codice di condotta promosso da Bruxelles per eliminare messaggi violenti su web e social media

Un odio virtuale che rischia di diventare violenza reale. La preoccupazione principale che emerge dalle parole di Vera Jourova, commissaria europea per la Giustizia, è che gli incitamenti contro minoranze etniche, religiose e di orientamento sessuale possano portare non solo all’avvelenamento del dibattito pubblico, ma anche a una vera e propria minaccia nella vita quotidiana. 

“Ho notato questo sentimento contro i migranti nel mondo online in Italia, ma anche in altri Paesi”, ha detto la Jourova rispondendo a una domanda sui messaggi d’odio all’indirizzo del migrante nigeriano che si è tolto la vita dopo che gli era stato negato il permesso di restare in Italia. “Seguiamo con preoccupazione - ha spiegato - quanto accade negli Stati membri”, in quanto “l'odio online può facilmente riversarsi nel mondo reale”. 

Nel corso della presentazione dei risultati del Codice di condotta sull'illecito incitamento all'odio online, nato nel 2016 per far fronte al proliferare dell'incitamento all'odio razzista e xenofobo sul web, la commissaria ha esposto i risultati della collaborazione con le principali piattaforme di condivisione di contenuti - Facebook, Twitter, YouTube e Instagram. 

Dal quarto monitoraggio sulla rimozione dei contenuti segnalati dagli utenti, appare che oggi le società informatiche valutano entro 24 ore l'89% dei messaggi segnalati contro il 40% del 2016. Vengono poi rimossi il 72% dei contenuti in quanto ritenuti effettivamente illeciti incitamenti all’odio. Nel 2016 solo il 28% dei contenuti segnalati veniva rimosso dalle grandi aziende di condivisione.

“Se la gente vede ogni giorno una quantità massiccia di incitamento all'odio online”, ha precisato la Jourova, “inizia a pensare che sia normale quanto è inaccettabile”. “E lo stesso vale quando la gente sente questi messaggi arrivare dai politici. È qualcosa che seguiamo con grande preoccupazione”, ha concluso la commissaria.


 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • patetici

  • A forza di leggere Repubblica e simili si finisce per crederci.

  • Credo che siano ancorpiù preoccupati perché il business scafisti-ong-buonisti associati &co. stia subendo un certo ribasso…..

    • lo credo anche io

  • Se l'U.E. si preoccupasse di arginare l'invasione dei cosiddetti migranti, per i quali solo un'esigua parte ha diritto ad essere accolta, si accorgerebbe che i cittadini degli Stati membri non avrebbero più la materia per dire ciò che pensano!

Notizie di oggi

  • Attualità

    Ora è la Grecia a presentare il conto alla Germania: "Paghi i debiti di guerra"

  • Attualità

    Elezioni, il Regno Unito non cambia gli equilibri: nel prossimo Parlamento necessarie larghe intese

  • Attualità

    Basta annunci ingannevoli, Strasburgo vota le nuove norme sugli acquisti online

  • Attualità

    Un 'sovranista' Juncker dà l'addio a Strasburgo: l'Europa non si realizza senza nazioni

I più letti della settimana

  • Produzione industriale, l'Italia traina la crescita dell'Eurozona. Bloomberg: “Effetto tiramisù”

  • “I dipendenti di Amazon costretti a lavorare nonostante infortuni”

  • Ora è la Grecia a presentare il conto alla Germania: "Paghi i debiti di guerra"

  • Velocità assistita e “scatola nera”, ecco i 30 nuovi salvavita obbligatori per i veicoli

  • "Salvini è stato il deputato Ue più influente degli ultimi anni"

  • Greta: Mondo in fiamme come Notre-Dame, ma non ha fondamenta così solide

Torna su
EuropaToday è in caricamento