Traffico di animali vivi, il M5s attacca Tajani: "Blocca istituzione commissione d'inchiesta"

L'accusa dell'europarlamentare Eleonora Evi: "Prendiamo atto che al presidente del Parlamento Ue non interessa affatto che si calpestino le procedure democratiche né che la richiesta di 223 eurodeputati cada nel vuoto"

“Il presidente del Parlamento europeo, per la seconda volta, e senza motivazioni chiare, vieta ai deputati la possibilità di votare sulla costituzione di una commissione di inchiesta sul trasporto di animali vivi. Un comportamento scorretto, che ci indigna e che condanniamo”. Lo dice l'eurodeputata del Movimento 5 Stelle, Eleonora Evi, dopo la bocciatura, oggi, nella Conferenza dei Presidenti del Parlamento europeo, della richiesta di calendarizzare il voto sulla commissione di inchiesta nella plenaria di Strasburgo.

La Conferenza dei presidenti, l’organo parlamentare più potente che, composto dagli otto presidenti dei gruppi politici presenti al Parlamento europeo, si riunisce per stabilire insieme al Presidente del Parlamento Antonio Tajani cosa inserire nell'ordine del giorno della plenaria, oggi, per la seconda volta, dopo il primo 'no' incassato il 15 marzo scorso a cui ci siamo opposti con fermezza, ha deciso che il voto sulla costituzione di una Commissione di inchiesta sul trasporto di animali vivi non approderà mai in plenaria. “In più hanno usato un modo antidemocratico – aggiunge Evi – perché hanno di nuovo fatto orecchie da mercante di fronte alla richiesta di inserire il voto nell'ordine del giorno espressa da 223 parlamentari, tra cui tutto il Movimento 5 Stelle”. 

Le motivazioni del diniego? Una situazione simile, ma non precisata, avvenuta in passato, in cui si era preferito bypassare l'istituzione di una Commissione di inchiesta con una relazione all'interno delle commissioni parlamentari. Apparentemente, in quel caso la Commissione di inchiesta venne implicitamente rigettata e al suo posto si fece fare una relazione di implementazione. “Uno strumento non legislativo – spiega Evi - e con un valore politico infinitamente minore rispetto a una commissione di inchiesta che valuti in modo serio e approfondito le violazioni delle norme sul benessere degli animali durante il trasporto. Prendiamo atto del fatto – conclude l'eurodeputata – che a Tajani non interessa affatto che si calpestino le procedure democratiche né che la richiesta di 223 eurodeputati cada nel vuoto. Con buona pace della retorica che puntualmente sfodera a noi tutti sull'allontanamento dei cittadini dalle istituzioni europee e sulla necessità di recuperare il deficit di credibilità accumulato da Bruxelles.

Potrebbe interessarti

  • Crociere da record, 7 milioni passeggeri nell'Ue: Italia prima destinazione

  • "Provoca terremoti", chiude il più grande giacimento di gas naturale d'Europa

  • Sciopero Ryanair a fine agosto, ecco perché i piloti minacciano lo stop di 48 ore

  • Alta velocità Napoli-Bari, oltre 100 milioni dalla Commissione Ue

I più letti della settimana

  • "Provoca terremoti", chiude il più grande giacimento di gas naturale d'Europa

  • Alta velocità Napoli-Bari, oltre 100 milioni dalla Commissione Ue

  • Crisi governo, Bruxelles 'promuove' Conte: "Ha fatto bene in contesto problematico"

  • "Il reddito di cittadinanza anche a noi", in Belgio favorevoli 6 su 10

  • Carbone, 5 Paesi Ue continuano a produrlo. Dal 1990 consumo dimezzato

  • Migranti, la Lega musulmana all'Ue: "Aiutare l'Italia"

Torna su
EuropaToday è in caricamento