Non solo polvere, nei tappeti delle case europee oltre 50 sostanze tossiche e cancerogene

L’analisi contenuta nello studio dell’ong Heal. Quello Ue è il secondo mercato mondiale

Foto Ansa EPA/JAIPAL SINGH

Decorativi, comodi, pregiati, eppure tanto nocivi per la salute. Già, i tappeti possono fare male. E le brutte sorprese non si nascondono sotto, ma all’interno del tessuto. Gli allergici lo sanno bene, ma non è solo una questione di polvere e acari che si annidano tra le trame del drappo. Le attuali tecniche di lavorazione lascerebbero sui pavimenti oltre 50 sostanze chimiche tossiche e cancerogene, diverse per minaccia e grado di nocività. A denunciarlo Health and Environment Alliance (Heal), organizzazione non governativa attiva nello studio dell’influenza degli ambienti sulla salute nell'Unione europea.

Secondo uno studio condotto dalla Ong, nei tappeti prodotti e venduti da alcuni dei maggiori produttori di tappeti in Europa si trovano sostanze tossiche quali ftalati, repellenti fluorati anti-macchia, ritardanti di fiamma alogenati, compresi interferenti endocrini, agenti cancerogeni e sostanze tossiche per la riproduzione. Tutti elementi che “rappresentano un potenziale rischio per la salute dei cittadini dell'Unione europea” e che allo stesso tempo “ostacolano la transizione dell'Ue verso un'economia circolare” a rifiuti zero, dove tutto si reimmette nel circuito produttivo. Heal ha condotto test su tappeti prodotti da sette grandi gruppi operanti nel mercato unico europeo: Associated Weavers (Belgio), Balta Industries (Belgio), Beaulieu International Group (Belgio), Forbo (Svizzera), Interface (Stati Uniti), Milliken and Tarkett (Regno Uniti), Donkerslot (Paesi Bassi).

Solo in tre dei 15 campioni di prodotti esaminati non compaiono tracce di sostanze nocive. Un risultato non da poco, visto che quello comunitario è il secondo più grande mercato al mondo per tappeti dopo quello statunitense. Si stima che il 65% della domanda europea di tappeti sia soddisfatta da una produzione con sede nell'Ue. Ma quanto fanno male i tappeti in bella mostra nelle nostre case? Heal avverte che i repellenti fluorati anti-macchia possono determinare problemi all’apparato riproduttivo, al feto, e rischio di cancro. I conservanti antimicrobici possono generare problemi al sistema respiratorio, mentre i ritardanti di fiamma alogenati possono incidere a livello neurologico, endocrino, riproduttivo. Anche con i plastificanti flalati bisogna andarci piano, poiché possono causare danni all’apparato riproduttivo, al feto, ai linfonodi e rischio di cancro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Via i fondi regionali ai Paesi Ue che non rispettano le regole di bilancio

  • Attualità

    Il Labour apre (ma non troppo) a un secondo referendum sulla Brexit

  • Attualità

    Perché l'attacco di Di Battista alla Francia "piace" alla Germania

  • Attualità

    Asse Parigi-Berlino: cos'è il Trattato di Aquisgrana. Che la Lega contesta 

I più letti della settimana

  • La guerra del Big Mac: il “Davide” irlandese sconfigge McDonald's. "Grazie all'Ue"

  • "Per la Germania sono finiti i tempi migliori", l'allarme degli industriali tedeschi

  • Che cos’è il franco Cfa che i 5 Stelle attaccano. E che ha poco a che vedere con i migranti

  • Strasburgo apre al reddito di cittadinanza: "Possibile co-finanziamento Ue"

  • Colpo a Orban e Kaczynski, Strasburgo taglia i fondi Ue a chi non rispetta lo stato di diritto

  • Caos Brexit, l'allarme dell'industria farmaceutica: "Rischi per pazienti in Ue e nel Regno Unito"

Torna su
EuropaToday è in caricamento