Strasburgo: "Non criminalizzare le Ong che soccorrono i migranti"

La socialista Sippel: momento delicato per l'Europa con l'Italia che chiude i suoi porti alle organizzazioni umanitarie che operano nel Mediterraneo

Foto Ansa/ Marco Costantino

Le Ong e tutte le organizzazioni umanitarie che soccorrono i migranti nel Mediterraneo devono essere lasciate lavorare e non criminalizzate. Lo richiede il Parlamento europeo che ha approvato una risoluzione in cui ha espresso preoccupazione per le “conseguenza indesiderate” della legislazione Ue sull'aiuto ai migranti irregolari per i cittadini che forniscono assistenza umanitaria ai migranti. “Volontari e operatori umanitari che aiutano i richiedenti asilo e altre persone vulnerabili dovrebbero essere celebrati, non processati”, ha chiesto la socialista Birgit Sippel che ha sottolineato come il dibattito in Aula si sia tenuto in un “momento delicato” con “l'Italia che chiude i suoi porti alle navi delle Ong che effettuano operazioni di ricerca e salvataggio”.

Ai sensi della direttiva Favoreggiamento del 2002 gli Stati membri sono tenuti a introdurre sanzioni penali contro il "favoreggiamento" dell'ingresso, del transito e del soggiorno di irregolari. Tuttavia, nella risoluzione si sottolinea che la legislazione dell'Ue conferisce agli Stati membri anche il potere di non configurare come reato quelle azioni di favoreggiamento che hanno lo scopo di prestare "assistenza umanitaria". "Abbiamo bisogno di linee guida chiare sull'assistenza umanitaria. Questo è un aspetto chiave in un contesto in cui gli individui e le Ong lavorano duramente per salvare le persone in mare e aiutarle a terra”, ha chiesto il relatore del testo, il socialista britannico Claude Moraes. Per questo Strasburgo invita i Paesi dell'Ue a recepire tale deroga nelle loro legislazioni, in modo da garantire che non siano perseguiti gli individui e le organizzazioni della società civile che assistono i migranti per motivi umanitari.

Gli operatori e le ong coinvolti nell'assistenza umanitaria, per sostenere le azioni di salvataggio di vite umane effettuate dalle autorità' competenti nazionali, "devono rimanere entro i limiti del mandato stabilito per l'assistenza umanitaria dalla direttiva sul favoreggiamento, e che le loro operazioni devono svolgersi sotto il controllo degli Stati membri", dicono i deputati che esortano anche la Commissione europea a adottare delle linee guida per chiarire quali forme di "favoreggiamento" non dovrebbero essere configurate come reato dagli Stati membri, in modo da assicurare che la legge sia applicata con maggiore chiarezza e uniformità.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • gli africani devono figliare di meno

  • ...ma se hanno le risorse finanziarie per mantenere le navi e gli equipaggi, perché invece non le investono in qualche iniziativa sul territorio africano ?

  • Le ONG sono organizzazioni private che non hanno un bilancio certificato e vivono grazie a dichiarazioni, condivisibili se non celassero bilanci e affari puramente economici.

  • Ma come mai queste ONG non si preoccupano di salvare o aiutare anche persone che per gravi difficoltà economiche vivono nelle auto o sotto i ponti. Forse perché non c’è niente da guadagnare? Alla faccia dello spirito umanitario!!!

  • ma Siptel non lavorava nei telefoni?

  • b a s t a!!!!!! è solo giro di soldi , di tanti soldi...se proprio si deve fare aiutiamoli,,anche tutta la ue,,,a casa loro

  • Non so se vanno criminalizzate, bisogna decidere caso per caso. In ogni caso vanno chiuse

  • ONG Ma chi è in Europa, che vuole adottare le linee guida?Nessuno. Quelli sono solo procacciatori di denaro sotto mentite spoglie. Gli immigrati aiutiamoli a casa loro!

Notizie di oggi

  • Multimedia

    Tg Europa Today: i 10 successi del Parlamento europeo negli ultimi 5 anni

  • Attualità

    Lo scandalo di Ibiza che affossa i sovranisti austriaci. E preoccupa Salvini

  • Attualità

    Europee, un’Olanda balcanizzata si prepara al voto: nessun partito arriva al 20%

  • Attualità

    L'ex re del Belgio dovrà fare il test del Dna per scoprire se ha una figlia illegittima

I più letti della settimana

  • "Datori hanno l'obbligo di misurare l'orario di lavoro effettivo", storica sentenza della Corte Ue

  • Tensione tra Italia e Austria: "Siete come la Grecia", "Pensi prima di parlare"

  • L’Italia sta con Merkel e 'tradisce' i Paesi ambientalisti: “No all’azzeramento delle emissioni”

  • "Il vero volto dei sovranisti Ue: al fianco delle lobby e contro famiglie e lavoratori"

  • Meloni: "Far votare i militari all'estero". Ma dimentica 3 milioni di italiani

  • "L'Ue impone all'Italia di dare le case popolari ai rom". Ma è una bufala

Torna su
EuropaToday è in caricamento