Un governo di sinistra e vegetariano: in Portogallo si valuta l'inedita alleanza

Pan, partito che si batte per il benessere animale e per l'ambiente, ha conquistato 4 seggi. E ora potrebbe entrare nella coalizione guidata dai socialisti. Premiati alle urne dalle misure anti-austerity

Le politiche anti-austerity portate avanti in questi anni hanno premiato i socialisti, guidati dal premier uscente, Antonio Costa, che hanno vinto le elezioni legislative che si sono chiuse ieri in Portogallo. Il Partito socialista (Ps) si è aggiudicato il 36,65 per cento dei voti, conquistando 106 seggi sui 230 del Parlamento, ben 20 in più rispetto alle elezioni di 4 anni fa. Per governare, hanno bisogno di almeno una decina di seggi, ma sia la coalizione di sinistra, sia i comunisti hanno numeri sufficienti perché Costa possa riproporre l'attuale alleanza di governo. Inoltre, una mano in più potrebbe arrivare dai 4 seggi conquistati da Pan, il partito animalista, che mira a entrare nell'esecutivo portando un po' di quell'ondata verde che si respira di recente in Europa.

La vittoria di Costa in Portogallo è anche un segnale positivo per chi nell'Ue chiede da tempo di invertire la rotta sul Patto di stabilità. Dopo essere arrivato al potere nel 2015, il premier portoghese è riuscito a garantire crescita, occupazione e stabilità dei bilanci tagliando i ponti con una serie di misure impopolari attuate dal centrodestra e ispirate ai dogmi del rigore.  

Accettando come garanzia un salvataggio internazionale di 78 miliardi di euro che mantenne a galla le finanze dopo la crisi dell'Eurozona, scrive l'Agi, Costa ha saputo approfittare della ripresa economica globale, invertendo i tagli ai salari e alle pensioni del settore pubblico e riuscendo comunque a ridurre il disavanzo di bilancio quasi a zero quest'anno, il livello piu' basso dal ritorno del Portogallo alla democrazia nel 1974. La crescita economica del Portogallo è stata superiore alla media dell'Unione europea negli ultimi anni -2,4% nel 2018 - mentre il tasso di disoccupazione è sceso al 6,4 per cento, ai livelli pre-crisi, anche se i critici lamentano bassi salari, insicurezza del lavoro e prezzi degli immobili in aumento con il boom del turismo.

Critiche che non hanno scalfito il consenso intorno a Costa, anzi. Anche se l'affluenza ai seggi è stata bassa (il 54,5 per cento), il Ps ha aumentato i seggi a sua disposizione, mentre i socialdemocratici di centro destra (Psd) si sono fermati al 27,9 per cento. Dietro i due principali partiti, ci sono il blocco di sinistra, che ha ottenuto 19 seggi proprio come nelle ultime elezioni, e i comunisti, che hanno ottenuto 12 seggi, cinque in meno rispetto alla scorsa tornata elettorale. Una nuova formazione di estrema destra, Chega! ("E' abbastanza!") è entrata nel Parlamento di Lisbona per la prima volta ma con un solo seggio. Meglio il partito emergente Popolo-animali-natura (Pan), cresciuto da un seggio a quattro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proprio Pan, come dicevamo, potrebbe entrare nella coalizione di governo: "La stabilità è essenziale per la credibilità internazionale del Portogallo e per attrarre gli investitori. Il Ps si adopererà per trovare soluzioni che garantiscano questa stabilità per l'intera legislatura", ha detto Costa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La "Vespa cinese" troppo simile a quella Piaggio, Ue blocca lo scooter di Pechino

  • Barbecue con carne e vino mentre erano in servizio, inchiesta su tre poliziotti

  • Olanda e Austria contro gli aiuti Ue all'Italia: "Concederemo solo prestiti"

  • "Isoliamo virus simili al Covid, ma pandemia non è colpa nostra": il laboratorio di Wuhan respinge le accuse

  • La Cina avverte: "Con gli Usa a un passo da una nuova Guerra fredda"

  • Il ‘trucco’ della Russia: poche vittime di Covid perché derubricate in polmonite

Torna su
EuropaToday è in caricamento