Bruxelles sulle sigarette elettroniche: “È veleno”. Insorgono ricercatori e industria

Il capo di gabinetto del commissario per la Salute condanna i prodotto di nuova generazione. Due studiosi dell'università di Patrasso: la scienza dice altro

ANSA/CLAUDIO PERI

Commissione europea nell’occhio del ciclone per le considerazioni sulle sigarette elettroniche, paragonate a “veleno” da Arūnas Vinčiūnas, capo di gabinetto della direzione generale per la Salute, di cui è responsabile il commissario Vytenis Andriukaitis. Vinčiūnas ha sostenuto che il nuovo prodotto è meno nocivo delle tradizionali ‘bionde’, ma comunque velenoso.

Affermazioni che hanno suscitato le proteste delle parte interessate, secondo cui l’esecutivo comunitario non terrebbe conto dell’evidenza scientifica che proverebbe il contrario. La protesta ha assunto natura ufficiale con la lettera inviata a Bruxelles da Konstantinos Farsalinos e Konstantinos Poulas, membri del dipartimento di farmacia dell’Università di Patrasso, in Grecia. I due ricercatori rimproverano al rappresentante dell’esecutivo comunitario dichiarazioni “inaccurate” che non riflettono i riconoscimento dell’ambiento scientifico in materia. Le sigarette elettroniche sono state concepite per sostituire i prodotti tradizionale dell’industria del tabacco, ritenuti responsabili di circa 700mila decessi prematuri all’anno nel solo territorio dell’Unione europea.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È convinzione della Commissione Ue che i prodotti di nuova generazione non risolvano il problema della dipendenza. Si continua in sostanza a respirare sostanze meno nocive ma comunque dannose per l’organismo: questo l’assunto dello staff di Andriukaitis. L’industria tedesca risponde. “Le sigarette elettroniche hanno il vantaggio di non contenere tabacco, il che vuol dire che non c’è alcun consumo di tabacco durante la combustione di questi prodotti”, la replica dell’Associazione tedesca per il commercio delle sigarette elettroniche (VdeH). “È molto preoccupante che il responsabile del gabinetto del commissario europeo tradisca una mancanza di conoscenza” della materia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Noi lavoriamo per pagare le vacanze agli italiani", settimanale olandese contro gli aiuti Ue

  • "Il Covid-19 non è nato nel mercato di Wuhan", studio cinese riscrive la storia del virus

  • Una targa personalizzata Covid 19: "L'ho fatto per ricordare alle altre auto di tenere la distanza"

  • I turisti dal Nord Italia sono un rischio: non lo dice la Grecia ma l’Europa

  • Voli, voucher al posto del rimborso: Bruxelles striglia i governi. Ma rispondono solo in 12

  • Anche Orban contro il piano di aiuti Ue all'Italia: "Finanzia i ricchi coi soldi dei poveri"

Torna su
EuropaToday è in caricamento