Bloccare le frontiere tra Italia e resto dell'Ue? M5s dice no, la Lega a favore

Il Parlamento europeo approva un testo che chiede di ridurre la possibilità di sospendere Schengen. Carroccio e popolari si oppongono ma il testo passa anche con i voti dei 5 Stelle

ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

Le due forze di governo si dividono a Bruxelles sul sostegno alla possibilità di interrompere le regole Schengen in Europa e permettere all'Italia, o ad altri Paesi membri, di reintrodurre controlli alla frontiera per lunghi periodi. Il Parlamento europeo ha approvato con 319 voti in favore, 241 voti contrari e 78 astensioni il mandato per la riforma di Schengen che punta a ridurre da sei a due mesi la possibilità iniziale di reintrodurre controlli temporanei ai confini e di limitare a un anno, invece che a due, la possibilità di rinnovarli. Il Movimento 5 Stelle di Luigi Di Maio si è schierato tra coloro che hanno detto di sì, mentre la Lega di Matteo Salvini si è opposta insieme anche ai popolari.

I controlli interni

Austria, Germania, Danimarca, Danimarca, Svezia e Norvegia sono attualmente sottoposte a controlli alle frontiere interne come forma di risposta alla crisi migratoria iniziata nel 2015. Anche la Francia ha riattivato i controlli ma parigi lo ha fatto in seguito agli attacchi terroristici subiti. “Schengen è una delle maggiori conquiste dell'Ue che, tuttavia, è stata messa in pericolo a causa dei controlli illegali in corso da oltre tre anni alle frontiere interne, da parte di sei Stati membri, nonostante fosse previsto un periodo massimo di due anni”, ha dichiarato la relatrice del testo, la socialista Tanja Fajon. Ciò, ha aggiunto, “dimostra quanto siano ambigue le norme attuali e come gli Stati ne abusino e le interpretino in modo scorretto”, e quindi “se vogliamo salvare Schengen, dobbiamo porre fine a questa situazione e stabilire regole chiare”.

La riforma

I Paesi dell’area Schengen, secondo il testo approvato dall'Aula, dovranno fornire una valutazione dettagliata dei rischi se i controlli temporanei alle frontiere interne verranno prolungati oltre i due mesi iniziali e qualsiasi successiva estensione dovrà ricevere una dichiarazione di conformità ai requisiti giuridici della Commissione europea e un’autorizzazione da parte degli altri Stati membri nel Consiglio dei ministri dell'Ue.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • All’indomani dell’ingresso di una nazione dell’est Europa, stracarica di problematiche etnico-sociali, ingresso caldeggiato e voluto anche da alcuni politici italiani di sinistra, le nostre frontiere furono prese d’assalto da decine di migliaia di cittadini di quella nazione. La stragrande maggioranza appartenenti ad una Inter etnia ben nota. Ricordo un flusso quasi continuo di scassatissime auto e vecchie roulotte, piene di una umanità che per secoli aveva conosciuto fame e miseria e che adesso ci ritroviamo nelle degradate baraccopoli delle nostre città, a vivere purtroppo di stenti ed espedienti. L’abolizione delle frontiere interne, che doveva costituire una valida premessa per una vera unione dei popoli europei, è servita solo a questi disperati e alla gran massa di delinquenti che possono scegliere il paese dove commettere i loro crimini e dove le pene sono meno severe: indovinate quale?

  • anche domani mattina stessa, se fosse per me. Cosi i bus (e auto) provenienti dalla Slovenia con su tutta la feccia dell'Est verrebbero controllati come si deve, nome per nome.. Avete una idea di quanti delinquenti resterebbero di la?

Notizie di oggi

  • Fake & Fact

    Così i gruppi di Facebook vengono usati per diffondere fake news sui vaccini

  • Attualità

    Disneyland Parigi avrà il suo Gay Pride: arriva il Magical Pride

  • Attualità

    Di Maio lancia la corsa 5 Stelle per l'Europa. E scarica un pezzo dei gilet gialli

  • Lavoro

    "Prima i cinesi", Lega e M5s contrari allo scudo Ue anti-Pechino sugli investimenti

I più letti della settimana

  • Ikea apre ai mobili di seconda mano. Per promuovere l'economia circolare

  • Aula quasi vuota per Conte a Strasburgo, Verhofstadt: "Burattino di Salvini e Di Maio"

  • Berlino teme di perdere 100 mila posti di lavoro. “Colpa della hard Brexit”

  • Adesso Francia e Germania vogliono togliere poteri all'Ue

  • Calenda difende Conte: "Non accetto attacchi alla dignità del mio Paese"

  • "Prima i cinesi", Lega e M5s contrari allo scudo Ue anti-Pechino sugli investimenti

Torna su
EuropaToday è in caricamento