Ryanair licenzierà 900 persone: “Eccesso di piloti e personale di bordo”

Entro fine agosto la decisione finale dovuta alla messa al bando dei numerosi Boeing 737 Max acquistati dalla compagnia. Nel mentre il numero uno dei cieli low cost O’Leary si dimezza lo stipendio, ma se i suoi piani funzioneranno incasserà un premio di quasi 100 milioni

Ryanair, compagnia aerea leader in Europa, ha annunciato un piano che prevede circa 900 esuberi tra piloti e membri d’equipaggio. La sofferta decisione arriva dopo che i piani di sviluppo del gigante del low cost sarebbero stati rivisti notevolmente al ribasso. La compagnia soffre infatti il bando delle autorità ai velivoli Boeing 737 Max, ritenuti pericolosi in seguito a due disastri aerei avvenuti in Asia e Africa. L’amministratore delegato, Michael O'Leary, ha annunciato la decisione con un video-messaggio ai dipendenti nel quale afferma che la compagnia ha 500 piloti e 400 membri del personale di bordo in eccesso. 

Una scommessa sbagliata

Come ammesso dalla stessa compagnia, pesano come un macigno quei 135 modelli Max del Boeing 737 ordinati da Ryanair. Gli irlandesi avevano puntato sull’aereo per ridurre i costi in tutta la loro attività, sperando di risolvere problemi di fornitura del carburante e di capacità di carico dei velivoli. Una scommessa rivelatasi sbagliata, che ha aggravato la situazione della compagnia aerea, già duramente colpita lo scorso anno dal calo generale dei prezzi dei biglietti, dalla concorrenza, dall'aumento della retribuzione per i piloti e dei costi del carburante.

Le trattative coi sindacati

O’Leary ha affermato che la decisione finale sui tagli al personale andrà presa entro fine agosto, quando si saranno conclusi i negoziati con i sindacati dei lavoratori e gli scali aeroportuali. Proprio nel periodo di massimo traffico aereo per turismo, ai piani alti della compagnia irlandese si definirà il destino delle circa 17mila persone che lavorano per Ryanair, tra cui 5.500 piloti e oltre 9mila membri di equipaggio.

Rassicurazioni e licenziamenti

Le lettere di licenziamento diventeranno quindi effettive in tre intervalli di tempo: i primi lasceranno la compagnia a settembre, altri perderanno il lavoro ad ottobre e gli ultimi dovranno abbandonare il posto subito dopo Natale. “Nelle prossime due settimane faremo del nostro meglio per ridurre al minimo le perdite di posti di lavoro - ha cercato di rassicurare O’Leary - ma alcune saranno inevitabili”.

Assieme alla notizia dei tagli, è trapelato che O’Leary stesso ha accettato di ridurre del 50% la sua retribuzione e il bonus annuale massimo nell'ambito del suo nuovo contratto quinquennale. Tuttavia, se la sua strategia dovesse funzionare, potrebbe ancora ottenere un premio di quasi 100 milioni di euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Telecamere sul lavoro? "Non violano privacy, giusti licenziamenti"

  • Macron contro tutti, Francia unica contraria a Albania e Macedonia del Nord nell’Ue

  • Il crimine non ha genere: ecco le 21 donne più ricercate d'Europa

  • Pensioni a 69 anni e recessione, le previsioni economiche in Germania fanno paura

  • Il deficit del duo Di Maio-Salvini? Più basso di quello del governo Gentiloni

  • No all'Albania nell'Ue, il Kosovo striglia l’Europa: “Non cedete a paura del populismo”

Torna su
EuropaToday è in caricamento