Rimborsi ai politici? Non c'è bisogno dello scontrino

Lo ha deciso il Parlamento Ue, che ha mantenuto cosi' il sistema in vigore. Lega e Forza Italia favorevoli, Pd e M5s protestano: "Poca trasparenza". Sassoli: "Qualcuno dovrà spiegare questo assurdo"

ANSA/ STRINGER

PD e grillini uniti per un sistema più trasparente e chiaro basato sulla rendicontazione e Lega e Forza Italia per quello assai più comodo e opaco del regime forfettario. Così, nella sua versione italiana, è andato a finire il voto nella Tavolo dei Presidenti, l'organo che riunisce i capigruppo del Parlamento Ue, sul sistema di pagamento delle spese sostenute dagli eurodeputati per il loro ufficio. Nella decisione finale a livello europeo ha vinto il modello forfettario, si chiude così un anno di lavoro in cui sono intervenuti esperti e pure la Corte dei conti Ue, un anno speso per discutere e poi tornare a sposare il modello usato fin qui, quello del forfait. 

Forfait contro rendicontazione

"Dopo un anno di lavori siamo arrivati a scegliere tra due proposte - ha affermato oggi David Sassoli del PD in conferenza stampa - da un lato il criterio forfettario, attualmente in vigore, e la mia proposta, ossia un sistema misto, con una piccola parte non rendicontabile, per alcune spese di ufficio, ed il resto rendicontato ed a rimborso, come succede già per i biglietti aerei, volevamo un sistema più trasparente e chiaro, ma è stato preferito l'altro".

"Popolari, Gue (Sinistra unitaria, ndr), Verdi, Enf (Europa delle nazioni e della libertà, il gruppo della Lega, ndr) era a favore del forfait - continua Sassoli - mentre l'Efdd (la formazione dei grillini, ndr) e i liberaldemocratici dell'Alde erano con noi per la rendicontazione", ha spiegato oggi in conferenza stampa Sassoli.  

Paradosso a Strasburgo: oggi per il forfait, giovedì contro

La cosa paradossale è che giovedì lo stesso Parlamento Ue dovrebbe approvare a larga maggioranza una relazione sulle spese dell'Eurocamera per l'esercizio 2019 in cui si chiede nuovamente di studiare una modifica del regime forfettario, contrariamente a quanto deciso dalla maggioranza dei gruppi politici oggi. "Qualcuno dovrà spiegarlo, votano oggi contro quello che approveranno giovedì....", conclude Sassoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Belgio "protegge" Salvini: no alla manifestazione delle Sardine

  • Femminicidio, gli uomini della Meloni dicono no a testo Ue contro le violenze

  • Lega fuori dai giochi in Europa, Salvini: “Cordone sanitario sovietico contro di noi”

  • Macron parla di “morte cerebrale” della Nato. Erdogan: “Controlli il suo di cervello”

  • In Germania Afd come la Lega contro il Mes: non vogliamo pagare per gli italiani

  • Bce, la Germania torna ad attaccare Draghi: "Nuovo bazooka non era necessario"

Torna su
EuropaToday è in caricamento