Regeni, il Pd presenta una interrogazione a Bruxelles sull'arresto dell'attivista egiziana

Gli eurodeputati dem De Monte e Benifei scrivono all'Alta rappresentante Mogherini sul caso di Amal Fathy, la donna che sta collaborando con la famiglia per fare luce sulla morte del giovane ricercatore italiano e che è stata arrestata dalle autorità del Cairo

“Chiediamo alla Commissione europea di intervenire e mettere in campo ogni azione diplomatica e di pressione nei confronti delle autorità egiziane per chiedere la scarcerazione dell’attivista Amal Fathy”. Lo afferma l’eurodeputata del Pd Isabella De Monte, che ha scritto, assieme al collega Brando Benifei, un’interrogazione urgente a Federica Mogherini, vicepresidente della Commissione Ue e Alto rappresentante dell’Unione per gli Affari esteri e la politica di sicurezza, sulla detenzione di Amal Fathy in Egitto, in seguito alla quale la famiglia di Giulio Regeni ha avviato uno sciopero della fame, chiedendone il rilascio.

Secondo De Monte “Amal Fathy, attivista egiziana per i diritti umani, è stata arrestata dalla polizia del Cairo per aver pubblicato un video sui social network in cui denunciava l’aumento delle violenze sulle donne, criticando il governo per la scarsa attenzione al problema. L’accusa con cui viene trattenuta in carcere è “incitamento al rovesciamento del sistema, pubblicazione di menzogne e cattivo uso dei social media”. Sappiamo – osserva De Monte – che Fathy è moglie di Mohamed Lofty, direttore della Commissione egiziana per le libertà e i diritti, nonché consulente legale della famiglia Regeni sul caso della morte del giovane Giulio. L’arresto è inoltre avvenuto a pochissimi giorni della missione degli inquirenti italiana, oggi in Egitto per visionare i video delle telecamere a circuito chiuso che potrebbero fornire nuovi elementi sul rapimento e l’uccisione di Regeni”.

 “Con questa interrogazione – evidenzia De Monte - chiediamo all’Alto Rappresentante quale sia la sua posizione su questa detenzione arbitraria, e quali misure intenda intraprendere presso il governo egiziano per assicurare la scarcerazione di Fathy”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I lavoratori stranieri bocciano l'Italia: “Economia senza prospettive”. Meglio il Vietnam

  • Meloni contro l'Ue: “Blocca seggiolini auto anti-abbandono”. Ma è davvero così?

  • Cinque posti dove sei pagato solo per viverci. E c'è anche l'Italia

  • Migranti, M5s: "Porti chiusi senza intesa Ue". Ma la Francia: "Prima sbarchi, poi solidarietà"

  • Migranti, il governo tedesco si spacca sulla 'solidarietà' all'Italia

  • Regno Unito nuova Singapore, paura Ue: con la Brexit Londra mega paradiso fiscale

Torna su
EuropaToday è in caricamento