Vacanze e prenotazioni, gli italiani ancora non si fidano dei siti online

Solo il 38% si affida al web per pianificare le proprie ferie. La media nel resto dell'Ue è del 50%

Gli italiani ancora non si fidano del web quando devono pianificare le loro vacanze. E' quanto emerge da una indagine dell'Eurostat, secondo cui solo il 38% dei nostri connazionali ha prenotato le proprie ferie online. Nel resto dell'Unione europea, la media è decisamente più alta, il 50%. 

I dati, che riguardano il numero di utenti internet che nel 2017 hanno prenotato un alloggio o un viaggio per le vacanze online, pongono in cima alla classifica il Lussemburgo con il 73% di prenotazioni sul web, seguito da Finlandia (65%) e Germania (64%). Nelle ultime posizioni, invece, si trovano Bulgaria (17%), Romania (18%) e Lettonia (22%). In Italia, la fascia di etàp degli utenti che ricorrono di piu' a internet per prenotare le vacanze e' quella tra i 25 e i 34 anni con il 45%, contro una media Ue del 55%. I giovani italiani tra i 16 e i 24 anni sono appena il 35%, contro una media Ue del 41%. Nella fascia di età tra i 65 e i 74 anni solo il 31% degli italiani prenotano vacanze online, contro il 47% della media Ue.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue la Svizzera non è più un paradiso fiscale

  • L'impegno dell'Ue: "Il salario minimo europeo nei primi 100 giorni"

  • "Pochi investimenti al Sud", Bruxelles bacchetta l'Italia

  • "Gli Stati ricchi paghino di più", l'Ue presenta il conto a Germania e Olanda

  • Migranti, l'accordo di Malta non convince. Austria: "No a ricollocamenti"

  • Orban nega il cibo ai migranti in transito, l'Ue: "Violati i diritti fondamentali"

Torna su
EuropaToday è in caricamento