I Pearl Jam con la campagna #apriteiporti, e retwittano Kyenge

La band statunitense durante il concerto ha proiettato la scritta "Salvare non è un crimine" e sul social media ha rilanciato un messaggio dell'eurodeputata del Partito democratico

I Peral Jam sono sempre stati un gruppo impegnato politicamente. E nel loro concerto di martedì a Roma non si sono smentiti. La band di Eddie Vedder ha cantato il brano “Imagine”, accompagnandolo con un messaggio, proiettato su uno schermo e indirizzato chiaramente al governo italiano, con gli hashtag #Apriteiporti e #Saveisnotacrime, che vuol dire Salvare non è un crimine. La loro critica alle posizioni di Matteo Salvini e della sua battaglia contro le Ong del mare sta scatenando diverse polemiche in Italia, con il popolo della Lega e del Movimento 5 Stelle in aperta rivolta contro di loro.

Ma loro sono andati dritti per la propria strada e su Twitter hanno anche rilanciato un messaggio di un'altra “nemica” giurata della Lega e delle sue posizioni di chiusura contro l'immigrazione, Cécile Kyenge. L'ex ministro, ora eurodeputata del Pd, li ha ringraziati sul social network per aver sostenuto la campagna #apriteiporti e il suo “cinguettio” è stato retwittato dalla band.

Potrebbe interessarti

  • I leader Ue chiudono la porta a Macedonia del Nord e Albania nell'Ue

  • Solo un italiano ai negoziati sul programma del nuovo Parlamento Ue. Ed è del Pd

  • “Questa casa è di sinistra”, negato l'affitto alla leghista

  • Migranti, Bruxelles smentisce Salvini: "La Sea Watch non può sbarcare in Libia"

I più letti della settimana

  • Juncker: "Non voglio umiliare l'Italia, ma governo sulla strada sbagliata”

  • I leader Ue chiudono la porta a Macedonia del Nord e Albania nell'Ue

  • Solo un italiano ai negoziati sul programma del nuovo Parlamento Ue. Ed è del Pd

  • “Questa casa è di sinistra”, negato l'affitto alla leghista

  • Minibot, l’Italia “copia” Schwarzenegger. Ma a lui andò male

  • Migranti, Bruxelles smentisce Salvini: "La Sea Watch non può sbarcare in Libia"

Torna su
EuropaToday è in caricamento