Nasce il Parlamento franco-tedesco: oggi la prima riunione

L'iniziativa fa parte degli accordi di Aquisgrana, dove Merkel e Macron hanno rilanciato la cooperazione tra Berlino e Parigi. Con l'obiettivo di plasmare la riforma dell'Unione europea

L'obiettivo dichiarato è migliorare la cooperazione tra i due Paesi. Ma è chiaro a tutti che sullo sfondo c'è il futuro dell'Unione europea, di cui Francia e Germania si sentono, a torto o ragione, il motore propulsivo. Si terrà oggi a Parigi la sessione costitutiva della nuova assemblea parlamentare franco-tedesca. Una sorta di Parlamento transnazionale che si riunirà due volte l'anno e che si occuperà di sovraintendere all'attuazione delle decisioni comuni dei due governi, seguire le questioni internazionali di interesse comune e lavorare ad un miglioramento delle condizioni di vita delle popolazioni transfrontaliere.

Il nuovo Parlamento nasce dagli accordi di Aquisgrana, sottoscritti dal presidente francese Emmanuel Macron e dalla cancelliera tedesca Angela Merkel il 22 gennaio scorso, con la benedizione dell'Ue rappresentata dal presidente della Commissione Jean-Claude Juncker. Il presidente dell'Assemblea nazionale francese Richard Ferrand e quello del Bundestag tedesco Wolfgang Schaeuble apporranno oggi la firma in calce all'accordo parlamentare già approvato dalle due camere. Quindi inizierà la prima sessione dell'assemblea, composta da 50 deputati per parte.

Gli accordi hanno sollevato non poche polemiche, sia dentro che fuori i due Paesi. Le accuse che arrivano, per esempio, dall'Italia riguardano la natura egemonica, a detta della Lega, di questi accordi:" Questi due governi parlano sempre di Europa, accusano l'Italia o i Paesi di Visegrad di essere nazionalisti, e poi in realtà fanno uno dei trattati più nazionalisti che la storia europea ricordi"; aveva tuonato il leghista Guglielmo Picchi.

Ma cosa prevedono questi accordi? 

La difesa

Come obiettivo delle relazioni tra i due Paesi il testo cita la "cooperazione" in materia di difesa e il rafforzamento "della capacità di azione autonoma dell'Europa". Per raggiungerlo, Germania e Francia  ribadiscono, in un prolungamento degli accordi dell'Alleanza Atlantica e del Trattato dell'Ue, la loro clausola di assistenza reciproca "con tutti i mezzi, ivi compresa la forza, in caso di aggressione armata contro i loro territori". 

Francia e Germania si impegnano inoltre a instaurare una "cultura comune" tra le loro forze armate. E si pongono come obiettivo il superamento .di una delle loro principali divergenze: il loro approccio in "materia di esportazione di armi". Per guidare la realizzazione dei loro impegni, il Trattato istituisce "un consiglio franco-tedesco di difesa e sicurezza". Dietro queste parole, c'è il progetto di creare un esercito comune europeo. E con esso, la creazione di una vera politica comune in materia. A partire dalle Nazioni Unite. 

Onu

Contrariamente a quanto sostenuto da alcune forze politiche francesi che hanno denunciato il contenuto del testo, Parigi e Berlino non si sono accordate per spartirsi il seggio permanente al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite: la Germania vorrebbe che il seggio della Francia sia assegnato all'Ue nel suo insieme, ma Parigi non ci sta. La formula diplomatica di rito usata per superare questo stallo è la seguente: la diplomazia franco-tedesca "considera una priorità l'ammissione della Germania tra i membri permanenti" del Consiglio di sicurezza dell'Onu. Nel frattempo, i due Paesi promettono di "coordinare strettamente le loro posizioni" in questa sede. 

Regioni transfrontaliere

Altro nodo critico è quello delle regioni di confine tra i due Paesi. In Francia sono circolate voci relative a possibili cedimenti di sovranità: il capitolo occupa un'ampia parte del Trattato. Per sottolineare "l'importanza" delle regioni e favorire cooperazione e mobilità, i due Paesi prendono in considerazione "deroghe" amministrative o giuridiche, se necessarie a "superare ostacoli alla realizzazione di progetti transfrontalieri". Non si tratta di cedere la sovranità dell'Alsazia o della Lorena: il testo ribadisce esplicitamente "la preservazione delle norme" in materia di diritto del lavoro o protezione sociale.

Cultura ed energia

I due Stati si impegnano tra l'altro a istituire un "Fondo cittadino destinato ad incoraggiare e a sostenere le iniziative che mirano ad avvicinare i due popoli". La politica di sviluppo nei confronti dell'Africa o la politica climatica sono indicati come obiettivi comuni. I due Paesi puntano a "progetti congiunti" in materia di "transizione energetica". 

Convergenza economica 

I due Stati si prefissano come obiettivo "l'istituzione di una zona economica francotedesca dotata di regole comuni". Per arrivarci, "l'armonizzazione del diritto di impresa" viene citata come priorità. Verrà creato un "consiglio franco-tedesco di esperti economici" per consigliare i due governi e forgiare una cultura economica comune. 

Il testo prevede l'adozione di "un programma pluriennale di progetti" comuni. Una prima lista prevede la riconversione della centrale nucleare di Fessenheim, l'attuazione di una "piattaforma digitale" franco-tedesca e lavori comuni in materia di intelligenza artificiale. Per avvicinare ulteriormente i due esecutivi si prevede di istituzionalizzare una pratica finora eccezionale: una volta al trimestre un membro di uno dei due governi partecipa al Consiglio dei Ministri dell'altro Stato. 

Potrebbe interessarti

  • Boeing 737 Max coinvolti in due incidenti, accuse a Ryanair: "Li vuole usare cambiandogli nome"

  • Migranti, Germania e Austria bocciano il piano italiano: "Vecchio di 3 anni"

  • Migranti, Sassoli: “La riforma di Dublino già c'è, i governi Ue si muovano”

  • Difesa europea, Macron convoca vertice con 11 Paesi Ue. Ma l'Italia non c'è

I più letti della settimana

  • Boeing 737 Max coinvolti in due incidenti, accuse a Ryanair: "Li vuole usare cambiandogli nome"

  • Migranti, Sassoli: “La riforma di Dublino già c'è, i governi Ue si muovano”

  • Il "patto del cavoletto" tra Pd e M5s spacca il governo. E ora la Lega teme per il 'suo' commissario

  • Un euro al giorno per prendere tutti i mezzi pubblici, a Berlino pronta la rivoluzione del trasporto

  • Migranti, Von der Leyen: "Salvare vite in mare è un dovere, riformare regole di Dublino"

  • Migranti, ministro tedesco a Salvini: "Stai già twittando per dire che siamo cattivi?"

Torna su
EuropaToday è in caricamento