Orban vuole portare Lega e AfD nel Partito popolare europeo

Il premier ungherese sta lavorando per spostare il Ppe sempre più a destra: “Al momento quasi non c'è differenza coi partiti liberali. Si stanno perdendo i valori cristiani”

Se il partito popolare europeo sta perdendo terreno in Europa è perché si è spostato negli ultimi anni troppo al centro, diventando indistinguibile dai partiti liberali e talvolta anche da quelli socialdemocratici. Per questo se vuole recuperare i consensi perduti deve aprire alle forze di destra e riscoprire le sue radici cristiane.

La nuova tattica

Il premier ungherese, Viktor Orban torna alla carica nel Ppe che tempo fa pensava addirittura di cacciarlo. Allora si paventava una sua adesione al gruppo dei sovranisti, ma poi l'ungherese ha cambiato idea e ha scelto di cambiare tattica: restare nell'attuale formazione ma  provando al contrario a portarci dento i sovranisti, spostandola così su posizioni più estremiste. In un memorandum pubblicato dall'agenzia Mti e lanciato anche su Facebook il controverso e autoritario presidente propone di aprire le porte a formazioni come la Lega di Matteo Salvini. Secondo Orban, il Ppe sta perdendo consenso e influenza, sta sempre di più avvicinandosi ai partiti liberali e di sinistra, con cui “quasi non c'è più differenza”, e così “i valori cristiani si stanno perdendo”. Per l'ungherese “è uno sbaglio e la soluzione sarebbe fare alleanze nel Parlamento europeo, ma anche nei parlamenti nazionali, talvolta anche con i partiti di destra".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le critiche a Tusk

Il memorandum non fa nomi, ma secondo fonti governative di Budapest, il riferimento alla Lega e ad Alternative per la Germania (AfD), il partito di estrema destra che sta mandando nel caos il panorama politico del Paese. Il congresso di Zagabria del Ppe non ha portato a una discussione aperta sulla linea da seguire, sempre secondo Orban, e il presidente eletto, il polacco Donald Tusk, ex presidente del Consiglio europeo, "è inadatto all'incarico", in quanto "importa nel Ppe la politica interna della Polonia", dove è un feroce avversario del partito Diritto e Giustizi che è al potere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, niente aiuti Ue senza sacrifici: Germania e Olanda dicono no a Italia e Spagna

  • Migranti, Di Maio chiude i porti: "No a sbarchi dalla Libia, c'è il coronavirus"

  • Tanti contagi, pochi morti: il coronavirus in Germania è un mistero

  • Coronavirus, la Lega dice no all'aiuto della Cina: "Nostri dati sanitari a Huawei"

  • "I medici italiani hanno smesso di curare gli over 60". Roma s'infuria e accusa Londra di fake news

  • "Lega blocca gli aiuti Ue all'Italia per farsi pubblicità", l'accusa di Pd e M5s

Torna su
EuropaToday è in caricamento