Stop all'ora legale, il Parlamento Ue sposta le lancette di un anno: si parte nel 2021

L’Europa potrebbe avere diversi orari tra nord e sud. Le compagnie aeree lanciano l’allarme: serve un approccio coordinato o si rischia il caos

Il Parlamento europeo vuole ritardare il piani di porre fine per sempre al cambiamento dell'ora tra legale e solare, andando contro le richieste del presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, che vorrebbe o stop a partire dalla fine di quest'anno. Con un mozione votata dalla commissione Trasporti si chiede che gli Stati decidano quale orario adottare in maniera permanente entro l'aprile 2020, con l'ultimo cambio di orario fissato per il marzo 2021.

Diversi studi scientifici indicano gli effetti negativi sulla salute umana del cambio di orario due volte l’anno. I Paesi membri sono notoriamente divisi tra loro su questo tema. Da una parte, diversi Stati nordici, assieme alla Germania, vogliono sbarazzarsi dell’ora legale. Ma Grecia, Portogallo e Regno Unito si sono sempre opposti fermamente a ogni proposta di abolizione, e con loro molti altri Stati mediterranei, che non vedono alcuna convenienza in un cambio di sistema. Con una risoluzione di un anno fa, il Parlamento ha invitato la Commissione europea a effettuare “un’analisi approfondita dell'attuale direttiva sugli orari e, se necessario, elaborare una proposta per la sua revisione”.  In risposta, la Commissione Ue aveva organizzato una consultazione pubblica nell'estate 2018. Su 4,6 milioni di partecipanti, l'84% aveva votato a favore dell’abolizione dell’alternanza solare/legale.

Il 12 settembre scorso, la Commissione europea ha presentato una proposta per mettere fine allo spostamento di lancette ogni sei mesi. In seguito alle perplessità della maggioranza degli Stati membri, il provvedimento era stato rispedito al Parlamento, che ha avviato un nuovo iter legislativo per dar seguito alle richieste dei cittadini che si erano espressi contro l’alternanza tra i due orari. La nuova proposta di abolizione è stata subito bocciata dall’organizzazione internazionale delle compagnie aeree.

Philippe Morin, rappresentante della Iata (ente che riunisce le imprese di trasporto aereo di tutto il mondo), ha espresso ad Euronews le sue paure per il futuro riguardo la pianificazione delle flotte, l'organizzazione degli equipaggi e dei vettori che operano nei cieli europei. Varie difficoltà potrebbero verificarsi qualora si dovesse “cambiare 3 volte l'orologio quando si viaggia da Amsterdam a Strasburgo”, osserva Morin. “Dobbiamo assolutamente avere un approccio coordinato tra Paesi”, spiega il rappresentante delle compagnie, che chiedono più tempo per studiare possibili soluzioni unitarie. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Basta spagnolo, parlo italiano”: la protesta del deputato catalano a Strasburgo

  • Edilizia, ultimatum Ue all’Italia: “Due mesi per cambiare valutazioni d’impatto ambientale”

  • Con la Brexit Londra istituirà dieci porti franchi, il Labour: "Un favore ai ricchi"

  • Salvini: "Non voglio uscire dall'Euro". E apre a una nuova forza di destra in Ue

  • Video hot in rete, candidato di Macron a sindaco di Parigi si ritira dalla corsa

  • Economia italiana al palo, Ue "salva" solo il reddito di cittadinanza

Torna su
EuropaToday è in caricamento