In Olanda i tifosi tornano negli stadi, ma non gli ultras: sarà vietato cantare

Il numero di persone ammesse sarà limitato per assicurare il distanziamento fisico. Il premier Rutte: "So che sembra terribile ma le ricerche dimostrano che urlando il virus si trasmette rapidamente"

Le partite dell'Ajax saranno molto mero 'rumorose' - foto Ansa EPA/JASPER RUHE

Dopo l'estate in Olanda gli stadi torneranno a riempirsi (o quasi) e saranno di nuovo animati (ma non troppo). Ieri il premier Mark Rutte, nel giorno in cui per la prima volta il Paese non ha avuto alcun decesso da Covid-19 dallo scoppio della pandemia, ha annunciato che dal 12 di settembre, quando ripartirà la Eredivisie i tifosi potranno di nuovo assistere personalmente alle partite ma in numero limitato per assicurare che si mantengano le distanze di sicurezza.

Niente canzoni

Inoltre sarà vietato cantare o urlare, per evitare una possibile diffusione di eventuali particelle di coronavirus, una notizia che di certo non farà piacere agli ultras del Paese, che con le loro canzoni e coreografia sono i sostenitori più rumorosi dei vari club. Dopo quello Belga quello olandese è stato il primo campionato d'Europa a decidere di fermarsi definitivamente, e ora è il primo a stabilire la riapertura degli stadi ai tifosi. Anche se con regole particolari. "Se negli stadi si canta, allora è semplice: poi si richiudono", ha tagliato corto Rutte, che nell'ultima conferenza stampa con gli aggiornamenti dalla pandemia ha spiegato che "se urli o canti rumorosamente, le possibilità di diffusione del virus sono molto alte”, e così al massimo si potrà incitare la squadra con delle trombette o altri oggetti rumorosi. "So che sembra terribile, ma tutte le ricerche dimostrano che in situazioni come questa il virus si trasmette rapidamente", ha affermato il premier.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche il Red-light district riparte

E a riaprire non saranno solo gli stadi. Dal primo luglio sarà possibile anche al cinema, al teatro, in chiesa o al ristorante, ma gli spettatori o i clienti dovranno stare a un metro e mezza di distanza. Tornerà a rianimarsi anche i quartieri a luci rosse e con loro il sesso a pagamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Basta cliché sugli italiani, hanno fatto più sacrifici di tedeschi e olandesi"

  • "Troppo spazio alle rinnovabili", Eni e ArcelorMittal contro il piano Ue sull'idrogeno

  • Premier olandese: "L'Italia impari a farcela da sola". Conte: è quello che faremo

  • La Svezia lancia una commissione d'inchiesta sulla strategia dell'immunità di gregge

  • "Olanda, Lussemburgo e Irlanda fanno perdere all'Italia 8 miliardi l'anno"

  • Starmer, nuovo leader del Labour, caccia la delfina di Corbyn e rompe con la sinistra

Torna su
EuropaToday è in caricamento