Pazzi di Instagram? A Bruxelles c'è il museo che fa per voi

Nella capitale del Belgio la più grande struttura per gli amanti del social, dove si possono fare fotografie nelle più diverse ambientazioni

Foto da Fb Smile Safari

In Belgio ha aperto il più grande museo di Instagram d'Europa. Si chiama Smile Safari ed è stato fondato da Hannes Coudenys, che si è ispirato a esperienze simili che sono state messe in piedi negli Stati Uniti. “Stavo aspettando qualcosa del genere in Belgio, ma non è successo nulla. Così ho deciso di farlo da solo”, ha detto al Het Nieuwsblad.

Pop-up museum

E così il sogno è diventato realtà a Bruxelles, esattamente al Tour & Taxis, dove rimarrà aperto fino alla fine di novembre. “Ci aspettiamo che a visitare il museo vengano persone di età compresa tra i 15 e i 30 anni, ma sarebbe divertente se portassero i loro genitori. Stiamo anche organizzando una giornata intitolata 'Questo è quello che stiamo facendo', così i bambini possono mostrare ai nonni quanto sia divertente", ha spiegato Coudenys.

Diverse ambientazioni

In pratica all'interno del museo ci sono varie stanze con varie ambientazioni dove si possono scattare foto da condividere poi sui propri social. C'è anche uno spogliatoio per fare in modo che chi vuole possa anche vestirsi in modo diverso in ognuna delle stanze e apparire sempre diverso in ogni foto. Per pagare la decorazione del museo Smile Safari ha utilizzato degli sponsor come la Coca Cola o l'Audi. "Stiamo anche pianificando eventi per animali domestici, poiché molti proprietari di animali domestici hanno un account Instagram separato per il loro gatto o cane", ha detto Coudenys.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Passato e presente

Secondo il fondatore poi non è un problema che tutti i visitatori tornino a casa con lo stesso tipo di fotografia. “Anche i nostri genitori lo hanno fatto. Al Grand Canyon, sono tutti nello stesso posto. Solo loro hanno conservato le loro foto negli album fotografici, noi le condividiamo online", ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La "Vespa cinese" troppo simile a quella Piaggio, Ue blocca lo scooter di Pechino

  • Barbecue con carne e vino mentre erano in servizio, inchiesta su tre poliziotti

  • Olanda e Austria contro gli aiuti Ue all'Italia: "Concederemo solo prestiti"

  • "Isoliamo virus simili al Covid, ma pandemia non è colpa nostra": il laboratorio di Wuhan respinge le accuse

  • La Cina avverte: "Con gli Usa a un passo da una nuova Guerra fredda"

  • Il ‘trucco’ della Russia: poche vittime di Covid perché derubricate in polmonite

Torna su
EuropaToday è in caricamento