Moschee e donne con il velo, in Germania 950 aggressioni contro musulmani in un anno

Esplosione di islamofobia nel paese. Il governo parla di episodi che vanno dalle violenze fisiche agli atti di vandalismo, con i luoghi di culto imbrattati con delle svastiche. E i casi potrebbero essere molti di più: "La gente ha paura di denunciare"

Una manifestazione anti-Islam in Germania / EPA/FELIPE TRUEBA

Il razzismo è in crescita e sta diventando un vero problema in Germania. Solo lo scorso anno il governo tedesco ha registrato almeno 950 episodi di islamofobia, atti che vanno dal vandalismo nelle moschee, agli abusi online fino a veri e propri attacchi fisici contro le donne musulmane che indossano il velo. Lo scrive il giornale Neue Osnabrücker Zeitung, che riporta cifre rilasciate dal ministero dell'Interno in risposta a un'inchiesta fatta dal partito di sinistra Die Linke. Secondo i dati dell'inchiesta 33 persone sono rimaste ferite in attacchi che sono stati messi in atto principalmente da estremisti neofascisti. Tra i casi più eclatanti si registrano poi 60 atti di vandalismo contro moschee e centri islamici che sono stati imbrattati con croci celtiche.

Accuse all'Afd

"Gli haters dell'islam sono passati dalla strada al Parlamento tedesco e usando questa tribuna hanno contribuito all'avvelenamento del clima sociale contro i musulmani in Germania", ha attaccatlo la deputata della Die Linke Ulla Jelpke, in riferimento al boom elettorale dell'Afd, partito di estrema destra. E la situazione otrebbe essere molto più grave se fosse vero, come denuncia il presidente del Consiglio centrale dei musulmani, Aiman Mazyek, che le cife fornite dal governo non rispecchiano a pieno la realtà, e il numero di attacchi è molto più alto.

La barriera psicologica

Mazyek ha infatti denunciato che esisterebbe una "barriera psicologica" che impedisce alle vittime di denunciare casi di abuso. "Ho notato un forte senso di insicurezza tra i musulmani. Molti cercano di non distinguersi nelle strade o nella vita pubblica. Questa tendenza è peggiorata notevolmente negli ultimi anni", ha affermato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue la Svizzera non è più un paradiso fiscale

  • "Gli Stati ricchi paghino di più", l'Ue presenta il conto a Germania e Olanda

  • Macron frena sull'ingresso di Albania e Macedonia nell'Ue: "No all'avvio dei negoziati"

  • Orban nega il cibo ai migranti in transito, l'Ue: "Violati i diritti fondamentali"

  • Chi sono i 20 giganti che inquinano di più al mondo

  • Cresce il numero di studenti neri a Cambridge, è lo 'Stormzy effect'

Torna su
EuropaToday è in caricamento