Migranti, il patto delle Nazioni Uniti affossato dalla propaganda online dell'estrema destra

La denuncia di ricercatori che hanno esaminato il comportamento sui social media. Italia nel gruppo

Paura, insicurezza, rischi per stili e modelli di vita, ricadute occupazionali. Tutto, ma proprio tutto quello che si potrebbe utilizzare per alimentare la letteratura anti-straniero è stato messo on-line dai movimenti di estrema destra di tutta Europa per far naufragare le migliori intenzioni di sottoscrive il patto delle Nazioni Unite sull’immigrazione. Questa la conclusione a cui è giunto un gruppo di ricercatori dell'Institute for Strategic Dialogue (ISD) dopo un’analisi dell’attività sui social media. Facebook, Twitter, blog personali e di gruppo: ogni vetrina è stata buona per creare un clima di intolleranza. La vicenda di per sé sorprende fino a un certo punto, se si considera che un elemento determinante nella vittoria del fronte anti-Ue nel referendum britannico sulla permanenza nell’Unione europea è stato quello dell’immigrazione.

Ma sul ‘migration compact’ dell’Onu a tirarsi indietro sono stati in molti, tra i Paesi dell’Unione. Austria, Bulgaria, Croazia, Lettonia, Polonia, Repubblica ceca, Slovacchia, Ungheria. E poi Italia, che in un primo momento aveva espresso impegno a sottoscrivere l’accordo per poi ritornare sulle proprie decisioni. Il governo belga è caduto su questo. I fiamminghi di N-Va sono usciti dalla coalizione perché contrari all’idea di sottoscrivere il documento. “Siamo noi i colpevoli per la caduta del governo belga? Non credo”, commenta oggi il capo del servizio dei portavoce dell’esecutivo comunitario, Margaritis Schinas. Non è la Commissione europea il problema, ma gli Stati dell’Ue. E quello che corre sulle loro reti. Secondo le analisi dei ricercatori accademici, a partire da settembre dello scorso anno una coalizione di simpatizzanti anti-Islam, di estrema destra e neonazisti ha alimentato sui social media un’enorme attività sul patto dell’Onu, rimasta al di fuori della attenzioni dei promotori delle politiche pro-immigrazione. In questo modo è passato il messaggio negativo.

Ico Maly, ricercatore che insegna nuovi media e politica all'Università di Tilburg (Paesi Bassi), spiega che i partiti nazionalisti “fanno parte di una nicchia specifica e di una rete specifica”, che per quanto poco ‘main-stream’ è comunque ben collaudata e aggregativa. “Tutti questi attori si informano a vicenda e adottano le rispettive posizioni politiche”. Il risultato di tutto questo è che ad esempio in Austria e in Italia la forte attività sul web ha preceduto le decisioni del governo di cambiare orientamento sul Global Compact. Austria e Italia alla fine non hanno firmato. Mentre negli Stati Uniti, rilevano ancora i ricercatori, “gli influenzatori populisti di destra e di estrema destra hanno iniziato a diffondere interpretazioni distorte e disinformazione su larga scala”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    “Fondo monetario europeo? No, grazie”, il M5s boccia la proposta tedesca

  • Attualità

    “Brexit, il favore di Salvini a Farage: stop al rinvio e uscita immediata dall’Ue”

  • Lavoro

    Prodotti falsi, nell'Ue un business da 121 miliardi. Italia è tra i Paesi più colpiti

  • Attualità

    Cina e sicurezza, Lega critica l'Ue ma prova a mediare. Zanni: “Valuteremo rischi su Huawei”

I più letti della settimana

  • "Lasciate pignorare le case o niente soldi", l'Eurogruppo blocca i fondi per la Grecia

  • Cina, Prodi 'apre' al governo: "Italia intercetti la nuova via della seta". E sull'Ue: "Pane mezzo cotto"

  • Musulmani sotto attacco in tutta Europa. E 2 italiani su 3 non li accetterebbero in famiglia

  • Test alcolico pre-guida e sistema anti-distrazione: ecco i nuovi salva-vita obbligatori per le auto

  • Pensioni "care" e scuole senza fondi: sul sociale l'Italia spende più della Germania

  • Brexit, Londra esclude il No Deal (per ora). Cosa succede adesso

Torna su
EuropaToday è in caricamento