Parlamento Ue chiede più risorse per migranti e giovani

Commissione Bilancio vuole per il 2018 30 milioni in più per migranti e 367 per l'iniziativa giovani. Più fondi anche ad Erasmus e ricerca. Ora braccio di ferro con Commissione e Consiglio.

Migranti salvati nel Mediterraneo. ANSA/GUARDIA COSTIERA/DRN

Più fondi per affrontare la crisi migratoria, ma anche per combattere la disoccupazione, in particolare quella giovanile, per promuovere la ricerca e sostenere i progetti infrastrutturali. A perorare una decisa correzione del bilancio comunitario, ribaltando le precedenti sforbiciate di Commissione e Consiglio e mettendo sul tavolo un plus di 2,13 miliardi per l’anno prossimo (per un totale di 161,8 miliardi di impegni), è la Commissione Budget del Parlamento Ue. L'attuale livello di finanziamento, dicono gli eurodeputati, è "insufficiente".   

Sul fronte immigrazione, la Commissione Budget chiede 30 milioni in più per il Fondo Asilo, migrazione e integrazione, 26 per l'Easo, l'Agenzia Ue per l'asilo e 10 per Europol. Inoltre, gli eurodeputati hanno anche proposto un aumento di 299 milioni per il Servizio europeo per l'azione esterna in particolare per azioni di stabilizzazione nei paesi terzi confinanti a est e nel bacino del Mediterraneo, mentre hanno dato una sforbiciata ai fondi di preadesione destinati alla Turchia, in attesa che Ankara faccia passi in avanti sul fronte della democrazia, dei diritti umani e dello stato di diritto.

Per quel che riguarda l’occupazione, i deputati hanno aumentato di 366,7 milioni gli impegni per l’iniziativa giovani, portando questa voce a un totale di 600 milioni ed aumentato di 22,5 milioni a Cosme, il programma a sostegno delle PMI. Sempre per i giovani, +32 milioni ad Erasmus e +50 milioni ad i giovani agricoltori. Aumenti anche per il meccanismo di interconnessione in Europa, che finanza progetti di infrastrutture e per Horizon, il programma di ricerca Ue, rimpolpato di 65 milioni.

Negoziati a novembre con Commissione e Stati membri

Il bilancio Ue arriverà nella plenaria di Strasburgo il prossimo 25 ottobre, quindi si aprirà il negoziato di 3 settimane con Consiglio e Commissione, che vogliono invece un budget 2018 più snello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Netflix e Amazon Prime stanno uccidendo il cinema

  • Venezia, la Lega chiede aiuto all'Ue

  • La “locomotiva” rumena al voto, tra leader in carcere e proteste anti-sistema

  • "In Italia i centri per migranti sono vuoti". E in 60mila 'fuggono' all'estero

  • Elezioni in Romania, sfida al secondo turno tra Iohannis e Dancila. Barna va forte solo all’estero

  • Il dietrofront di Farage spinge i Tory che balzano a più 14 punti sui laburisti

Torna su
EuropaToday è in caricamento