Merkel: la gestione dei flussi migratori è la principale sfida dell'Ue

La cancelliera tedesca al Bundestag: "La soluzione non è l'isolamento o azioni unilaterali"

foto EU Council

È la gestione dei flussi migratori in arrivo in Europa "la principale sfida per il futuro della Ue". Per la cancelliera Angela Merkel, che è intervenuta al Bundestag, la crisi migratoria "è ancora più grande della crisi eurozona”, ma ha avvertito “la soluzione non è l'isolamento o azioni unilaterali". Nel suo discorso, come riporta l'AdnKronos, la cancelliera tedesca ha detto che la sfida costituita dall'immigrazione "mi appare come molto più grande alla futura coesione dell'Unione europea di quella che abbiamo vissuto durante la crisi dell'eurozona". Ma la soluzione di questo problema non può essere "l'isolamento" in seno alla Ue e non risiede in azioni di unilaterali, ha detto ancora Merkel riconoscendo che questo è "il punto debole" dell'Unione. "Ancora non abbiamo trovato una soluzione", ha ammesso ancora la cancelliera tedesca sottolineando comunque la convinzione che questa possa essere trovata in modo comune ed unitario.

"Lavorare a un'Europa forte"

Anche perché, ha ribadito Merkel, la Germania non può guardare ad un futuro positivo che non comprenda l'Europa: "È nel nostro interesse lavorare per un'Europa forte". "Se l'Europa si limita a dire 'noi ci chiudiamo e non ci importa dei Paesi nostri vicini, va a finire male", ha affermato ancora Merkel, sottolineando che il "primo passo" è quello di convertire la cooperazione tradizionale in sostegno allo sviluppo economico in Africa, da dove parte la grande maggioranza delle persone che cercano di arrivare in Europa. "L'Africa è un grande continente, un continente giovane, un continente dei mercati del futuro", ha detto.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • questa ex cittadina della DDR dovrebbe spiegarci in che modo ha reato la falsa notizia della caccia allo straniero di Cheminitz. In che modo copre i manager tedeschi della Krupp colpevoli del rogo di Torino. In che modo copre le vetture inquinanti dei produttori del suo Paese. In che modo chiude il mercato interno alle merci provenienti dall'Italia. In che modo ha cacciato Berlusconi usando le banche locali. In che modo nascondo il debito pubblico. E c'è ne sono cose da chiarire. Meriterebbe di essere messa sotto processo.

  • bastaaaa non ne vogliamo uno in più anzi vanno rispediti indietro tutti gli irregolari e non aventi diritto Aiutare e integrare il sud e le isole del nostro paese

Notizie di oggi

  • Attualità

    Europee, un’Olanda balcanizzata si prepara al voto: nessun partito arriva al 20%

  • Attualità

    La Russia divide i sovranisti, ecco perché il gruppo europeo di Salvini potrebbe saltare

  • Attualità

    L'Iva scende al 4%, ma solo per i partiti che partecipano alle europee

  • Ambiente

    Clima, l'Europa fa poco per ridurre le emissioni. L'Italia ancora meno

I più letti della settimana

  • "Datori hanno l'obbligo di misurare l'orario di lavoro effettivo", storica sentenza della Corte Ue

  • L’Italia sta con Merkel e 'tradisce' i Paesi ambientalisti: “No all’azzeramento delle emissioni”

  • Tensione tra Italia e Austria: "Siete come la Grecia", "Pensi prima di parlare"

  • "Il vero volto dei sovranisti Ue: al fianco delle lobby e contro famiglie e lavoratori"

  • "L'Ue impone all'Italia di dare le case popolari ai rom". Ma è una bufala

  • “Gli italiani più ricchi dei tedeschi”. Lo dice Bankitalia, ma è davvero così?

Torna su
EuropaToday è in caricamento