Da rifugiato politico a eurodeputato, passando per la carica di 'sindaco' anti-Trump

Magid, eletto con i Greens britannici, sfida Farage e Salvini: “La vostra retorica e le vostre azioni sono una dichiarazione quotidiana di guerra contro la pace conquistata in Europa”

Magid magid - foto da facebook

I Verdi inglesi sono uno dei partiti usciti vincitori dalle scorse elezioni europee. Nonostante in testa sia arrivato il Brexit party di Nigel Farage sono riusciti a raggiungere un considerevole 12% di preferenze nel Regno Unito, quarta formazione del Paese, superando anche ai Conservatori. A Strasburgo e Bruxelles manderanno sette eurodeputati, quattro in più rispetto alla scorsa legislatura, e tra questi anche l'astro nascente del partito: Magid Magid, figlio di una rifugiata somala scappata dal Paese africano a causa della guerra.

'Sindaco' anti-Trump

Nero e musulmano è il simbolo perfetto del britannico che non si rassegna alla Brexit e alla visione dell'immigrato come pericolo. Il 29enne è Lord Major uscente di Sheffield. Si tratta di un ruolo cerimoniale, dato a una persona scelta per i suoi meriti sociali che per un anno rappresenta il consiglio comunale e la città in diverse occasioni. È stato il primo Verde, il primo somalo e il più giovane di sempre ad assumere quel ruolo. Durante il suo periodo i carica divenne famoso per aver bandito Donald Trumo dalla città. In solidarietà con gli immigrati messicani lo scorso luglio presiedette un Consiglio comunale indossando un sombrero e twittò: “Io Magic Magid, Lord Mayor e primo cittadino di questa città, dichiaro che non solo Donald Trump è una persona inutile, ma che da questo momento è bandito dalla grande città di Sheffield! Inoltre dichiaro il 13 luglio giornata di solidarietà con i messicani”. Allo slogan “Make America great again”, opponeva il suo, scritto sulla maglietta che è solito indossare: “Gli immigrati rendono grande la Gran Bretagna”.

Il messaggio ai populisti

Ora siederà sugli scranni di Bruxelles e Strasburgo. “Abbiamo eletto un nero, un rifugiato musulmano a rappresentare il partito dei Verdi. Non è straordinario?”, si è chiesto in un intervento sul Guardian nel quale ha attaccato la destra populista europea, compresa la Lega. “Ho un messaggio per Matteo Salvini, Viktor Orbán, Marine Le Pen, Nigel Farage e simili: siete il nemico di ogni europeo che abbia mai giurato 'mai più', perché la vostra retorica e le vostre azioni sono una dichiarazione quotidiana di guerra contro la pace conquistata in Europa”, aggiungendo: “Fallirete nel vostro tentativo di dividerci. Voi perderete”. L'elezione dei Verdi e delle altre forze europeiste nelle istituzioni comunitarie per Magid è “l'inizio di una battaglia molto più grande sul palcoscenico europeo. Quella per la compassione, la comprensione reciproca e i diritti umani e contro ogni forma di odio”. “Insieme possiamo scrivere la storia”, ha concluso il neo deputato rivolgendosi ai cittadini europei.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Regno Unito vuole sviluppare il primo esercito con carri armati ecologici

  • E-cigarette nella bufera negli Usa. E in Europa?

  • “Quella giornata con Carola passata a raccattare cadaveri in mare”

  • La Libia in guerra fa 1,6 miliardi di ricavi al mese con il petrolio

  • Migranti, M5s: "Porti chiusi senza intesa Ue". Ma la Francia: "Prima sbarchi, poi solidarietà"

  • Greenpeace punta il dito contro Volkswagen: “Maglia nera mondiale per emissioni”

Torna su
EuropaToday è in caricamento