I gilet gialli tentano l'assalto alla residenza di Macron

Circa quaranta persone hanno cercato di entrare a Fort Brégançon, luogo di villeggiatura del presidente francese

Una manifestazione dei gilet gialli 8foto d'archivio)

Circa una quarantina di gilet gialli ha tentato un assalto a Fort Brégançon, la residenza ufficiale utilizzata come luogo di villeggiatura estiva per il presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, che si trova su un isolotto nel Mediterraneo vicinissimo alla costa francese, nel dipartimento del Var. L'appello alla mobilitazione, riporta France Bleu, era stato lanciato sulle reti sociali con la frase: "Oggi prenderemo Fort Brégançon". Il progetto però è fallito per l'intervento dei gendarmi e della polizia municipale.

"La gendarmeria è intervenuta per bloccare al villaggio di Cabasson una quarantina di Gilet gialli che volevano andare a Fort Brégançon", ha detto il sindaco di Bormes-les-Mimosas, Francois Arizzi. Contattato da Afp, l'ufficio stampa dell'Eliseo ha rifiutato di comunicare il luogo in cui attualmente si trova Macron per trascorrere le vacanze di Natale, dopo il caldo autunno segnato dalla rivolta dei Gilet gialli contro le sue politiche. Secondo Arizzi, che parla di una "azione simbolica", i Gilet gialli intendono tornare anche alla residenza. "Le persone che vogliono la democrazia, dovrebbe iniziare rispettando la proprietà degli altri", ha commentato Arizzi, spiegando che alcuni di questi Gilet gialli hanno attraversato terreni privati per cercare di raggiungere il loro obiettivo.

Potrebbe interessarti

  • Boeing 737 Max coinvolti in due incidenti, accuse a Ryanair: "Li vuole usare cambiandogli nome"

  • Migranti, Germania e Austria bocciano il piano italiano: "Vecchio di 3 anni"

  • Migranti, Sassoli: “La riforma di Dublino già c'è, i governi Ue si muovano”

  • Negata casa a Bruxelles ad assistente della Lega in quanto italiano. Lui: “Razzisti”

I più letti della settimana

  • Boeing 737 Max coinvolti in due incidenti, accuse a Ryanair: "Li vuole usare cambiandogli nome"

  • Migranti, Germania e Austria bocciano il piano italiano: "Vecchio di 3 anni"

  • Migranti, Sassoli: “La riforma di Dublino già c'è, i governi Ue si muovano”

  • Difesa europea, Macron convoca vertice con 11 Paesi Ue. Ma l'Italia non c'è

  • Il "patto del cavoletto" tra Pd e M5s spacca il governo. E ora la Lega teme per il 'suo' commissario

  • Migranti, Von der Leyen: "Salvare vite in mare è un dovere, riformare regole di Dublino"

Torna su
EuropaToday è in caricamento