Raid di Macerata, Pd accusa M5s e Lega: "Non condannano la violenza di Traini, vergogna"

Lo denuncia l'eurodeputato dem dopo il voto del Parlamento Ue su una risoluzione in cui si chiede la messa al bando delle organizzazioni neofasciste

Continua a suscitare polemiche la risoluzione sulla violenza neofascista votata dal Parlamento europeo a Strasburgo. Il testo chiede la messa al bando delle organizzazioni neonaziste e neofasciste, citando tra queste CasaPound. E cita, tra i casi da condannare, anche quello dall’ex militante della Lega Luca Traini, che a Macerata ha sparato contro sei migranti per vendicare la morte di una giovane (che non aveva nessun legame con le sei vittime). "Ma su questo voto le delegazioni di M5s e Lega si sono astenute", attacca l'eurodeputato del Pd, Nicola Danti.

Card Danti - M5s e Lega non condannano la violenza neofascista di Macerata-2

"Oggi il Parlamento europeo si è espresso con una relazione contro la violenza neofascista in Europa - spiega Danti - Il testo, poi approvato, è stato sottoposto ad alcuni emendamenti nell’obiettivo di condannare specifici casi di violenza xenofoba. Uno di questi riguardava il raid razzista condotto dall’ex militante della Lega Luca Traini a Macerata".

"Nella votazione di oggi – continua Danti – i grillini si sono mostrati ancora una volta per quello che sono: fedeli alleati dei leghisti, anche nel chiudere gli occhi di fronte alla violenza razzista. Quando si è trattato di inserire tra i 'considerando' del testo anche la condanna dei fatti di Macerata (quando un iscritto della Lega fece fuoco su sei migranti africani), i gruppi del Movimento 5 stelle e della Lega si sono astenuti. Vergogna".

A onor di cronaca, la risoluzione è passata con il voto anche dell'intera delegazione del Movimento 5 stelle (passaggio su Traini compreso). Chi ha votato contro sono stati i deputati dell'Ukip (alleati dei 5 stelle), l'unico leghista presente in Aula, Mario Borghezio, e a sorpresa un gruppo di moderati del Ppe, tra cui gli italiani Giovanni La Via e Barbara Matera. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Italia centrale, in quella provincia marchigiana trovarono un orrore sotto terra (pozzo), ossa umane di minorenni, i giornali informarono che quei resti umani erano riconducibili al corpo di una minorenne scomparsa dalla regione marche nel 2010, era una ragazzina non italiana. Non ricordo nessua indignazione particolare neanche per questo macabro ritrovamento, nella stessa provincia -immediatamente dopo il femminicidio della minorenne Pamela Mastropietro in macerata- uscirono alla luce denunce di un altra ragazzina che parlava di sfruttamento sessuale con la trappola degli stupefacenti e citava la massoneria maceratese, le denunce risalgono al lontano 2008 e pubblicarono gli atti del tribunale maceratese che archivio' i fatti gravi contro la sicurezza dei MINORI.

  • potevano fare le cose fatte bene dall'inizio …….controllare la immigrazione , cosa che il governo precedente ha voluto ma non fatto le cose giuste adesso si devono sentire in colpa e......stare anche zitti !!! ciao a tutti

  • Questi qui sono autentici dementi: mentre le Patrie sono lordate dalle indistinte e impunite orde multietniche, i "fenomeni" lottano contro il nemico immaginario. Complimentoni

Notizie di oggi

  • Multimedia

    Tg Europa Today: i 10 successi del Parlamento europeo negli ultimi 5 anni

  • Attualità

    Lo scandalo di Ibiza che affossa i sovranisti austriaci. E preoccupa Salvini

  • Attualità

    Europee, un’Olanda balcanizzata si prepara al voto: nessun partito arriva al 20%

  • Attualità

    L'ex re del Belgio dovrà fare il test del Dna per scoprire se ha una figlia illegittima

I più letti della settimana

  • "Datori hanno l'obbligo di misurare l'orario di lavoro effettivo", storica sentenza della Corte Ue

  • Tensione tra Italia e Austria: "Siete come la Grecia", "Pensi prima di parlare"

  • L’Italia sta con Merkel e 'tradisce' i Paesi ambientalisti: “No all’azzeramento delle emissioni”

  • "Il vero volto dei sovranisti Ue: al fianco delle lobby e contro famiglie e lavoratori"

  • Meloni: "Far votare i militari all'estero". Ma dimentica 3 milioni di italiani

  • "L'Ue impone all'Italia di dare le case popolari ai rom". Ma è una bufala

Torna su
EuropaToday è in caricamento