Dalla Kyenge a miss Inghilterra: politici e vip tornano in corsia contro il Covid-19

Celebrità e personalità pubbliche con una laurea in tasca si mettono a disposizione dei sistemi sanitari del proprio Paese per combattere l’emergenza del coronavirus

Dal primo ministro irlandese, a un regista francese, passando per un’ex eurodeputata e una miss. Sono tante le personalità pubbliche che negli ultimi giorni hanno deciso di tornare tra le corsie degli ospedali per combattere il coronavirus. Molti di loro l’hanno fatti infilandosi il camice che avevano abbandonato per entrare in politica o nel mondo dello spettacolo. C’è anche chi promette di riuscire a dividere la propria giornata tra gli impegni istituzionali e una visita a un paziente

Il presidente col camice

Come il primo ministro irlandese, Leo Varadkar, che si è offerto di lavorare un giorno a settimana come medico, dal momento che anche il suo Paese si prepara per un aumento del numero di infezioni. “Molti dei suoi familiari e amici lavorano nel servizio sanitario”, ha detto il suo portavoce. “Voleva dare una mano anche nel suo piccolo”, si legge in una nota. Varadkar, 41 anni, in passato ha lavorato come medico a Dublino, prima di abbandonare la medicina per diventare un politico a tempo pieno, e in seguito diventare premier.

Il coraggio dell'ex ministra

Torna in ospedale anche l’ex ministra dell’Integrazione, Cécile Kyenge. Non tutti lo sanno, ma l’ex eurodeputata del Pd è un medico chirurgo, con specializzazione in oculistica. Competenze preziose nel contesto della grave crisi sanitaria che si trova ad affrontare il sistema sanitario veneto, nel quale la Kyenge ha deciso di tornare a esercitare la sua professione. 

Il regista in corsia

Il regista francese Thomas Lilti, 43 anni, stava girando uno show televisivo su un medico francese quando è scoppiata la pandemia. Ha sospeso le riprese e pochi giorni dopo ha iniziato a lavorare come medico. Una professione che aveva abbandonato nel 2014, casualmente nello stesso ospedale dove stava dirigendo le riprese. “Mi sono offerto volontario per cercare di aiutare i medici più competenti, quelli che sanno davvero cosa stanno facendo, permettendogli di riposare anche se solo per poche ore”, ha detto al quotidiano Le Journal du Dimanche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La miss che voleva girare il mondo

A completare l’elenco delle celebrità che negli ultimi giorni sono tornate in corsia, c’è miss Inghilterra 2019, la 24enne Bhasha Mukherjee. La giovane ha deciso di tornare a lavorare come medico al servizio del Sistema sanitario nazionale britannico nel bel mezzo della pandemia di coronavirus. Dopo aver vinto il concorso di bellezza, aveva deciso di togliere il camice per girare il mondo e dare una mano a vari progetti umanitari. Ma poi si è resa conto che per aiutare la gente non doveva poi andare troppo lontano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Noi lavoriamo per pagare le vacanze agli italiani", settimanale olandese contro gli aiuti Ue

  • "Il Covid-19 non è nato nel mercato di Wuhan", studio cinese riscrive la storia del virus

  • Una targa personalizzata Covid 19: "L'ho fatto per ricordare alle altre auto di tenere la distanza"

  • I turisti dal Nord Italia sono un rischio: non lo dice la Grecia ma l’Europa

  • Voli, voucher al posto del rimborso: Bruxelles striglia i governi. Ma rispondono solo in 12

  • Anche Orban contro il piano di aiuti Ue all'Italia: "Finanzia i ricchi coi soldi dei poveri"

Torna su
EuropaToday è in caricamento