La lettera di Kyenge: "Mio marito con la Lega? Stiamo divorziando"

L'eurodeputata del Pd replica alle polemiche dopo l'intervista dell'ormai quasi ex coniuge Domenico Grispino, che ha annunciato di volersi candidare con il Carroccio, partito spesso tra i più critici con l'ex ministra

Hanno destato scalpore le dichiarazioni di Domenico Grispino, marito dell'eurodeputata del Pd Cecile Kyenge, che a Radio24 ha annunciato di volersi candidarsi con la Lega, ossia lo stesso partito che da sempre è tra i più critici nei confronti della moglie. Lo stesso partito di cui fa parte il senatore Roberto Calderoli, condannato a 18 mesi per aver definito proprio l'ex ministra un orango. Uno scalpore che, sui social, ha innestato una nuova girandola di polemiche e insulti, spesso a fondo razzista. Chiaramente sempre con target l'esponente dem.

Eppure, non è la prima volta che Grispino fa sapere delle sue simpatie per Lega e 5 stelle. O che mette in imbarazzo la moglie. Già nel 2013, l'uomo aveva critica la carriera politica di Kyenge, sostenendo che "quando la donna prende il timone, la coppia si sfascia". Parole a cui segui' l'annuncio della separazione tra i due. Separazione che a quanto fa sapere oggi la stessa eurodeputata, ha ormai raggiunto l'epilogo del divorzio.

Trattandosi di una questione privata divenuta pubblica per ragioni mediatiche e di speculazione politica, abbiamo deciso di pubblicare per intero il messaggio di Cecile Kyenge:

"Sento il dovere di rispondere a tante amiche, a tanti amici, ai miei sostenitori e ai giornalisti che in queste ore chiedono informazioni riguardo la candidatura annunciata di mio marito nelle file della Lega al Comune di Castelfranco Emilia.

Ho sentito anch’io la sua intervista a Radio24, ribadisco e tutelo la sua libertà di candidarsi con chi desidera, una libertà che è garantita dalla nostra Costituzione italiana.

Comprendo lo sgomento di tutti, compreso quello dei militanti della stessa Lega, ma per quanto mi riguarda è proprio il caso di dire che non c’è nessuna novità rilevante, essendo questo l’ennesimo e forse neanche l’ultimo episodio di una vicenda il cui copione è già scritto e anche noto.

Dico che non c’è nessuna novità, salvo il fatto che si sta finalmente avvicinando la data dell’udienza davanti al giudice per la fine del nostro matrimonio; udienza da me richiesta ormai mesi addietro. Ho cosi cercato da tempo di mettere un punto finale all’episodica ed indecorosa esibizione delle questioni familiari, e posso capire le fibrillazioni della vigilia dell’udienza stessa.

Le questioni politiche che mi vedono impegnata da anni, e nelle quali intende legittimamente impegnarsi pure mio marito, devono essere tenute al di fuori della cerchia familiare. Questo succede in tutte le famiglie che si impegnano nella cosa pubblica con etica e rispetto. Lo pretendo in primis per il rispetto delle nostre figlie e dei nostri rispettivi cari.

Ho deciso di emettere questa piccola nota esplicativa, l’unica sull’argomento, che spero quindi venga chiuso e superato definitivamente. Continuerò la mia battaglia politica sulla stessa linea della lotta all’esclusione e alla xenofobia, promuovendo l’inclusione e la coesione sociale in Italia.

Un grazie di cuore a tutti per i messaggi di sostegno che ho ricevuto, e che mi dicono che io non sono sola".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Commentare un articolo dedicato alla Signora Kienge significa avventurarsi su un terreno minato, in quanto i sinistroidi con i paraocchi sono sempre pronti a darti del razzista, appena accenni a fare qualche critica sulla Signora medesima. Confesso che la canditatura della signora Kyenge da parte del PD é sembrata finalizzata a raccattare voti in un bacino elettorale ben definito. Magari la Signora in questione avrà doti eccelse di parlamentare, ma fino a mo non ho avuto modo di coglierle. Ho colto invece l'inopportunitá di alcune sue iniziative, tipo ad esempio la fondazione del Partito degli Africani d'Italia, ossia "l'Afroitalian Power iniziative", con l'intento di dar voce a chi voce non ha. La Signora Kyenge omette di includere anche i milioni di poveri italiani "non Africani", che di voce ne hanno meno dei suoi probabili futuri elettori. Che senso ha creare una simile enclave etnico-politica, se c'é la Costituzione che tutela costoro? E li tutela anche quando arrivano da noi violando le nostre leggi sull'ingresso in Italia?

  • Bravissima Cecile Kyenge hai aspettato anche troppo per mandarlo al diavolo

  • Probabilmente non l aveva più duxxxo e quindi è passato alla lega. Il loro slogan lo ricordate noi l abbiamo duxxxo

    • Ma quello che mi chiedo io è : ma se nei tempi andati gli veniva duxxxo , ma come faceva a venirgli duxxxo con un elemento del genere al suo fianco? All'orrido non c'è mai fine…….

      • Non so come sei fatto tu ma da quello che scrivi posso benissimo capire che oltre ad essere schifoso nell'animo devi essere anche schifoso nel fisico con un cervello piccolo piccolo e vuoto mi dispiace per te forse se ti impegni puoi essere curato.

  • Ora può andare a "Uomini & Donne" della De Filippi. Non si sa mai……..

  • Se qualcuno è interessato è libera da impegni sentimentali ! Sicuramente un ottimo partito ( lei non il il PD )

Notizie di oggi

  • Attualità

    Lega e M5s: alleati in Italia, (quasi) avversari in Europa 

  • Attualità

    Moldavia, Martusciello in campo per il candidato condannato per una frode da 300 milioni

  • Attualità

    “La Germania paga le pensioni ai collaboratori nazisti”, l'imbarazzo di Berlino

  • Ambiente

    La giovane Greta striglia l'Ue: "I vostri impegni sul clima non bastano"

I più letti della settimana

  • Munizioni difettose e aerei che non volano, l’esercito tedesco dimenticato da Berlino

  • Basta eccessi di velocità, l'Ue vuole l'auto che rallenta da sola. Entro il 2022

  • Disneyland Parigi avrà il suo Gay Pride: arriva il Magical Pride

  • Altro che Francia o Germania, la Commissione Ue è soprattutto a guida italo-belga

  • La giovane Greta striglia l'Ue: "I vostri impegni sul clima non bastano"

  • Migranti irregolari arrivati nell’Ue grazie alla Coppa del mondo in Russia

Torna su
EuropaToday è in caricamento