Migranti, la ricetta di Juncker: “Canali sicuri di accesso, rimpatri e accordo di libero scambio con l'Africa”

Il discorso del presidente della Commissione a Strasburgo: "L'obbligo dell'ora legale va abolita"

Un colpo al cerchio e una alla botte. Nel suo ultimo discorso sullo Stato dell'Unione che, a quanto pare, è stato rivisto più volte nel corso della notte, il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha annunciato un rafforzamento della guardia costiera Ue e dei rimpatri, ma al contempo si è schierato contro i muri interni tra i Paesi membri e ha chiesto la creazione di canali sicuri di accesso per richiedenti asilo e migranti “qualificati”. I timori per l'avanzata di partiti e leader populisti in vista delle prossime elezioni europee, insomma, hanno lasciato il segno. 

Guardia costiera Ue

E' proprio ai populisti che sembra rivolgersi quando, nell'Aula del Parlamento europeo a Strasburgo, annuncia  “un rafforzamento della guardia costiera e di frontiera europea fino a 10mila unità da qui al 2020 ed un'agenzia europea per l'asilo". Sui migranti "i nostri sforzi hanno portato a dei risultati con meno profughi lungo la rotta del Mediterraneo centrale, tuttavia gli Stati membri non hanno ancora trovato un rapporto giusto fra la responsabilità dei singoli Paesi e la necessaria solidarietà, che deve essere dimostrata se vogliono mantenere lo spazio Schengen senza confini", ha detto prima di aggiungere: "Resto contrario alle frontiere interne, laddove sono state create devono essere eliminate".

E sempre per restare in equilibrio, Juncker, dopo aver sottolineato che occorre fare di più sui rimpatri degli irregolari,  ha ricordato anche la necessità di creare dei canali sicuri per i richiedenti asilo e per i migranti “qualificati” di cui l'economia Ue ha bisogno: "L'Europa deve restare un continente di apertura e tolleranza, non sarà mai una fortezza in un mondo che soffre, non sarà mai un'isola, resterà multilaterale, il pianeta non appartiene a pochi" 

Accordo di libero scambio con l'Africa

Tra le proposte che piaceranno meno al fronte dei populisti (basti ricordare le proteste contro la presunta invasione di olio tunisino in Italia), c'è quella di un accordo di libero scambio tra l'Unione europea e l'Africa. "L'Africa non ha bisogno di carità", ha detto Juncker. Per questo, "la Commissione propone oggi una nuova alleanza tra l'Africa e l'Europa per degli investimenti e dei posti di lavoro duraturi. Questa alleanza permetterebbe di creare fino a 10 milioni di posti di lavoro in Africa nei prossimi 10 anni", ha spiegato Juncker. Anche il commercio tra Africa e Europa è importante. Ma gli scambi commerciali tra di noi non sono sufficienti. Sono convinto della necessità di un'evoluzione dei numerosi accordi commerciali euro-africani per arrivare a un accordo di libero scambio da continente a continente", ha aggiunto il presidente della Commissione. 

Ora legale

Fuori dalle questioni migratorie, Juncker ha parlato di Brexit, chiarendo ancora una volta che il Regno Unito non puo' avere gli stessi privilegi di chi resta nell'Ue. Ma anche della necessità di fare passi avanti sulla difesa comune europea. Ce n'è anche per la questione dell'ora legale: Juncker ha confermato quanto detto nei giorni scorsi: l'ora legale va abolita: “Gli Stati membri devono decidere loro stessi se vogliono far vivere i loro cittadini con quella solare o quella legale. Spero ci siano regole regionali conformi al mercato unico".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • perchè Junker non ci piega come ha coperto per anni le multinazionali che portavano gli utili in Lussemburgo per non pagare le tasse nel resto d'Europa? perchè non ci spiega come è stato scelto il tedesco Selmayr a capo della burocrazia europea in spregio a tutte le regole ue? perchè non ci dice come mai l'EMA va ad Amsterdam ? No vabbè quello si capisce, le madri degli eurodeputati lavorano tutte lì

  • Mbriacone alcolizzato giù le mani dall italia vai a disintossicarti

  • Accordi di libero scambio? Se c' era un modo di dimostrare che la responsabilità delle migrazioni sta principalmente nelle politiche della UE in Africa, eccolo qua. Gli accordi commerciali deprimono l' economia africana, causando quindi un aumento del flusso migratorio. Essi favoriscono innanzitutto la UE, poi quegli stati africani ad economia già abbastanza sviluppata da non aver bisogno di aiuti, e dai quali il flusso migratorio è irrisorio. I paesi dai quali partono la maggior parte dei migranti, sarebbero invece danneggiati. Non potendo stringere accordi poichè il loro mercato non assorbirebbe prodotti europei, che sarebbero inaccessibili alla stragrande maggioranza della popolazione, vedrebbero invece ridotte le loro già scarse esportazioni. Questo impoverirebbe ancora di più quei paesi, con conseguenze sulle migrazioni.

  • ha già fatto troppi danni, mandatelo via al più presto

  • Quindi se solo l'Italia rifiutasse l'ora legale, alla frontiera occorrerà adeguare gli orologi se lo stato membro l'ha applicata. Si era partiti con progetto di unificare leggi, regolamenti ecc. tra gli stati membri, ora siamo alla libera scelta dell'ora legale. L'UE è alla frutta.

Notizie di oggi

  • Multimedia

    Tg Europa Today: i 10 successi del Parlamento europeo negli ultimi 5 anni

  • Attualità

    Lo scandalo di Ibiza che affossa i sovranisti austriaci. E preoccupa Salvini

  • Attualità

    Europee, un’Olanda balcanizzata si prepara al voto: nessun partito arriva al 20%

  • Attualità

    L'ex re del Belgio dovrà fare il test del Dna per scoprire se ha una figlia illegittima

I più letti della settimana

  • "Datori hanno l'obbligo di misurare l'orario di lavoro effettivo", storica sentenza della Corte Ue

  • Tensione tra Italia e Austria: "Siete come la Grecia", "Pensi prima di parlare"

  • L’Italia sta con Merkel e 'tradisce' i Paesi ambientalisti: “No all’azzeramento delle emissioni”

  • "Il vero volto dei sovranisti Ue: al fianco delle lobby e contro famiglie e lavoratori"

  • Meloni: "Far votare i militari all'estero". Ma dimentica 3 milioni di italiani

  • "L'Ue impone all'Italia di dare le case popolari ai rom". Ma è una bufala

Torna su
EuropaToday è in caricamento