Impronte digitali e microchip, l'Ue lancia la nuova carta d'identità

Bruxelles assicura che ci saranno garanzie in materia di protezione dei dati affinché le informazioni raccolte non finiscano nelle mani sbagliate

L'Unione europea è intenzionata a rafforzare la sicurezza delle carte d'identità per ridurre la possibilità di falsificarle. Il Consiglio ha adottato un regolamento che garantirà che i documenti dei cittadini dell'Ue e i titoli di soggiorno di loro familiari provenienti da Paesi terzi siano più sicuri. La nuova normativa migliorerà la sicurezza delle carte d'identità introducendo norme minime relative alle informazioni fornite in questi documenti e agli elementi di sicurezza comuni a tutti gli Stati membri che le rilasciano.

Modello carta di credito

In base alle nuove norme, le carte dovranno essere prodotte utilizzando un modello uniforme tipo carta di credito e dovranno essere dotate di una zona funzionale a lettura ottica ed essere conformi alle norme minime di sicurezza stabilite dall'Organizzazione per l'aviazione civile internazionale (ICAO). Dovranno inoltre includere una foto e due impronte del titolare, conservate in formato digitale su un microchip senza contatto. Sulla carta d'identità figurerà, all'interno di una bandiera dell'Ue, il codice paese dello Stato membro che ha emesso la carta.

Valide da 5 a 10 anni

I documenti avranno una validità minima di cinque anni e una validità massima di 10. Gli Stati membri potranno rilasciarle con un periodo di validità più lungo alle persone dai 70 anni in su. Quelle dei minori potranno invece avere una validità inferiore a cinque anni. Le nuove norme entreranno in vigore due anni dopo l'adozione, il che significa che entro tale data tutti i nuovi documenti dovranno soddisfare i nuovi criteri. In generale, le carte d'identità esistenti che non soddisfano i requisiti comunitari cesseranno di essere valide 10 anni dopo la data di applicazione delle nuove norme oppure alla scadenza, nel caso sia anteriore. Le carte meno sicure che non soddisfano le norme minime di sicurezza o non comprendono una zona funzionale a lettura ottica scadranno entro cinque anni.

Garanzie sulla protezione dei dati

Bruxelles assicura che ci saranno solide garanzie in materia di protezione dei dati affinché le informazioni raccolte nei database non finiscano nelle mani sbagliate. In particolare, le autorità nazionali dovranno garantire la sicurezza del microchip senza contatto e dei dati in esso contenuti, in modo che non possano essere oggetto di violazione o di accesso non autorizzato.

Potrebbe interessarti

  • I leader Ue chiudono la porta a Macedonia del Nord e Albania nell'Ue

  • Solo un italiano ai negoziati sul programma del nuovo Parlamento Ue. Ed è del Pd

  • “Questa casa è di sinistra”, negato l'affitto alla leghista

  • Migranti, Bruxelles smentisce Salvini: "La Sea Watch non può sbarcare in Libia"

I più letti della settimana

  • Juncker: "Non voglio umiliare l'Italia, ma governo sulla strada sbagliata”

  • I leader Ue chiudono la porta a Macedonia del Nord e Albania nell'Ue

  • Solo un italiano ai negoziati sul programma del nuovo Parlamento Ue. Ed è del Pd

  • “Questa casa è di sinistra”, negato l'affitto alla leghista

  • Migranti, Bruxelles smentisce Salvini: "La Sea Watch non può sbarcare in Libia"

  • Vacanze a impatto ambientale zero? Ecco l'isola in cui il turismo è eco-sostenibile

Torna su
EuropaToday è in caricamento