Gozi, da sottosegretario di Renzi a responsabile per l’Europa nel governo francese

Incarico nell’esecutivo di Parigi in attesa di diventare eurodeputato grazie alla Brexit. Cabras (M5s): “È una nomina politicamente sospetta”

Un altro incarico di governo, ma questa volta non in Italia per Sandro Gozi. L'ex del Partito democratico, già sottosegretario agli Affari europei nei governi guidati da Matteo Renzi e Paolo Gentiloni, entrerà nella squadra del premier Édouard Philippe. E la nomina che gli spetta è, ancora una volta, quella di responsabile per gli Affari europei con il compito di monitorare la creazione di nuove istituzioni europee e le relazioni con il Parlamento Ue. Ma l’incarico anticipato dal quotidiano Le Figaro potrebbe avere vita breve. Gozi è infatti destinato, nel prossimo autunno, a diventare europarlamentare grazie all’addio dei britannici all’Eurocamera per effetto della Brexit. 

Da Renzi a Macron

L'ex sottosegretario del Pd, che insegna a Sciences Po da circa quindici anni, ha lavorato per dieci anni alla Commissione europea e dalla fine del 2018 presiede l'Unione dei federalisti europei. La sua candidatura alle europee nelle liste francesi di Renaissance Europe - il partito del presidente Emmanuel Macron - aveva già scatenato feroci critiche da parte del Movimento cinque stelle. La mancata elezione per un soffio era stata invece bersaglio d’ironia, dal momento che il convinto europeista Gozi si è ritrovato nella lista degli eurodeputati francesi che subentrerebbero a quelli britannici solo in caso di uscita del Regno Unito dall’Ue (prevista per il prossimo 31 ottobre). Facile dunque prevedere gli attacchi di oggi all’ex sottosegretario italiano, ora prossimo a entrare nel Governo francese. “È una nomina che desta politicamente più di un sospetto e che inquieta” commenta a caldo Pino Cabras, capogruppo del M5s alla Camera in commissione Affari Esteri. 

La reazione del M5s

“Dopo le schiere di tredici esponenti Pd da Fassino a Franceschini, passando per Letta e Sala che negli ultimi sedici anni hanno ricevuto la Legion d'Onore francese - attacca il deputato pentastellato - per Sandro Gozi è scattata direttamente la nomina a responsabile degli Affari Europei del governo Macron”. ''La collaborazione tra i popoli è importante - conclude Cabras - ma qui, dopo aver ricoperto un ruolo delicatissimo in due governi italiani si passa direttamente, con le stesse mansioni, a far parte di un governo di un altro Stato dell'Unione europea”. 

Salvini: "Pazzesco, questo è il Pd"

"Gozi, giaà sottosegretario agli Affari europei con Renzi e Gentiloni, con la benedizione di Macron viene ora nominato, stesso ruolo, nel governo francese. Immaginate di chi facesse gli interessi questo personaggio quando era nel governo italiano... Pazzesco, questo è il Pd", è stato invece il commento di Matteo Salvini su Twitter.

Gozi: "Vediamo chi ha fatto gli interessi dell'Italia"

''Leggo che Matteo Salvini si chiede come io abbia tutelato gli interessi nazionali quando ero al governo. Caro Salvini, quando vuoi ci confrontiamo, atti e documenti alla mano, per vedere chi tra me e te ha curato di più e meglio gli interessi del nostro Paese. Facciamo così?'', la replica a stretto giro di Gozi sempre su Twitter.

Potrebbe interessarti

  • Crociere da record, 7 milioni passeggeri nell'Ue: Italia prima destinazione

  • "Provoca terremoti", chiude il più grande giacimento di gas naturale d'Europa

  • Sciopero Ryanair a fine agosto, ecco perché i piloti minacciano lo stop di 48 ore

  • Alta velocità Napoli-Bari, oltre 100 milioni dalla Commissione Ue

I più letti della settimana

  • Crociere da record, 7 milioni passeggeri nell'Ue: Italia prima destinazione

  • "Provoca terremoti", chiude il più grande giacimento di gas naturale d'Europa

  • Sciopero Ryanair a fine agosto, ecco perché i piloti minacciano lo stop di 48 ore

  • Alta velocità Napoli-Bari, oltre 100 milioni dalla Commissione Ue

  • "Il reddito di cittadinanza anche a noi", in Belgio favorevoli 6 su 10

  • Crisi governo, Bruxelles 'promuove' Conte: "Ha fatto bene in contesto problematico"

Torna su
EuropaToday è in caricamento