La crisi? Non s'è vista negli armadi: gli italiani spendono più di tedeschi e francesi per vestiti e scarpe

I dati di Eurostat: dal 2006 al 2016 gli italiani sempre sul podio per spesa familiare in abbigliamento, davanti anche a tedeschi e francesi. Un giro d'affari di 64,3 miliardi di euro per il Belpaese, più di quanto si spenda in salute

ANSA / CIRO FUSCO

Una notizia da saldi: la crisi non è entrata nell'armadio degli italiani. Dal 2006 al 2016 i cittadini del Belpaese si confermano sul podio di chi spende di più in Europa per vestiti e scarpe. Lo dice Eurostat che fa notare come nel 2016 gli italiani abbiano speso il 6,2% del budget familiare in abbigliamento, terzi dietro a estoni, 6,8%, i più spendaccioni, e portoghesi, 6,3%, altro popolo bastonato dalla crisi. Nel 2006, anno della fotografia precedente scattata un biennio prima del cataclisma innescato dalla caduta di Lehman Brothers, gli italiani erano secondi, con il 6,8% della spesa in vestiti e scarpe, allora dietro a i lituani, al 7,8%, e davanti al tandem che ora comanda, estoni e portoghesi, fermi al 6,5%. 

Nel frattempo i francesi hanno stretto la cinghia e i tedeschi hanno aumentato la spesa, ma solo in termini assoluti, non in relazione ai consumi familiari. A scoprire l'abbigliamento sono, invece, i britannici, per loro un grande aumento dei consumi.  

64,3 miliardi in vestiti e scarpe, più che in salute

Andando in termini assoluti, gli italiani nel 2016 hanno speso in abbigliamento 64,3 miliardi di euro, il 4,9% della spesa complessiva in Italia, il 2,7% del PIL patrio e, con 1.100 euro a testa, una spesa lievemente superiore a quella realizzata per la salute

Di fatto la crisi, con comunque un impoverimento medio generalizzato ma anche con il parallelo e conseguente quasi azzeramento dell'inflazione, ha portato ad un congelamento della spesa degli italiani in abbigliamento: era di 1.100 euro nel 2006, lo stesso livello si è registrato una decade dopo. Un dato che ci pone ancora una volta sul podio, terzi dietro ai lussemburghesi, 1.700 euro a testa, e britannici, 1.300.

Britannici spendaccioni, i francesi non comprano la cinghia

Il primato per la spesa complessiva va proprio ai britannici, 82,8 miliardi, contro i 76,8 di dieci anni prima e quindi ai tedeschi, 70,6 miliardi rispetto ai 66,64 del 2006. Terza, manco a dirlo, ancora l'Italia con i suoi 64,3 miliardi, 1,24 meglio del 2016. 

Se i britannici aumentano le loro spese in abbigliamento, e con loro anche polacchi, lettoni, ungheresi e lussemburghesi, a stringere la cinghia, o piuttosto a non comprarla, sono stati lituani, greci, spagnoli, irlandesi e francesi: sono loro a mostrare la maggiore contrazione della spese in vestiti e scarpe nel decennio a cavallo della crisi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Austria alza un muro con l'Italia: "Non apriremo confini, non ha il controllo del coronavirus"

  • Basta dumping fiscale, Bruxelles contro Olanda, Irlanda e altri 4 Paesi Ue

  • La "Vespa cinese" troppo simile a quella Piaggio, Ue blocca lo scooter di Pechino

  • Olanda e Austria contro gli aiuti Ue all'Italia: "Concederemo solo prestiti"

  • "Isoliamo virus simili al Covid, ma pandemia non è colpa nostra": il laboratorio di Wuhan respinge le accuse

  • I Paesi Ue litigano sui turisti: no regole comuni, sì ai corridoi bilaterali

Torna su
EuropaToday è in caricamento