Migranti, Berlino sostiene le ong: “Indegno discutere ogni volta chi deve accogliere”

Lo ha detto il viceministro degli Interni tedesco: “Creare un meccanismo temporaneo ad hoc di distribuzione”

Indegno. Non usa giri di parole il viceministro degli Interni tedesco, Stephan Mayer, nel criticare casi come quello delle navi Diciotti e Sea Watch 3, con i migranti lasciati per giorni a bordo nell'attesa di un accordo tra i Paesi europei sulla loro accoglienza.

Parlando a margine di una riunione del Consiglio Ue a Bucarest, Mayer ha chiarito la posizione del governo tedesco, secondo cui è necessario trovare "al più presto" soluzioni per le navi che si offrono di salvare i migranti nel Mediterraneo. L'esponente della Csu, che finora è stata l'ala dell'esecutivo Merkel meno “tenera” sull'immigrazione, ha definito "indegno" che si debba discutere "di volta in volta quale Paese e a quali condizioni sia disposto ad accogliere persone a rischio naufragio". Dal punto di vista del governo federale, è "un imperativo umanitario" non riaprire ogni volta la discussione, ha aggiunto Mayer.

Per questo, la Germania spinge per la creazione di un "meccanismo temporaneo di distribuzione ad hoc" dei profughi da parte dell'Ue. Non proprio quello che chiede l'Italia, che vorrebbe invece un meccanismo permanente. E non solo dei richiedenti asilo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Indegno? ah.. non si preoccupi, presto si risolve la cosa caro Mr. Stephan Mayer, si puo' fare cosi: con le decine di milioni di euro che la Germania deve alla Grecia per danni di guerra si puo' aprire giusto li un "meccanismo temporaneo di distribuzione ad hoc", giusto utilizzando i soldi che dovete ai greci, in Grecia. Non le pare una idea fantastica?

  • p.s. costa fatica solo parlarne è evidente che il problema sia scottante e non se ne voglia sporcare le mani nessuno oltralpe...

  • indegno è il vostro menefreghismo

  • Mayer ha ragione! I migranti li prenda tutti l'italia, come fatto sino ad ora.

Notizie di oggi

  • Attualità

    Ora è la Grecia a presentare il conto alla Germania: "Paghi i debiti di guerra"

  • Attualità

    Elezioni, il Regno Unito non cambia gli equilibri: nel prossimo Parlamento necessarie larghe intese

  • Attualità

    Basta annunci ingannevoli, Strasburgo vota le nuove norme sugli acquisti online

  • Attualità

    Un 'sovranista' Juncker dà l'addio a Strasburgo: l'Europa non si realizza senza nazioni

I più letti della settimana

  • Produzione industriale, l'Italia traina la crescita dell'Eurozona. Bloomberg: “Effetto tiramisù”

  • “I dipendenti di Amazon costretti a lavorare nonostante infortuni”

  • Ora è la Grecia a presentare il conto alla Germania: "Paghi i debiti di guerra"

  • Velocità assistita e “scatola nera”, ecco i 30 nuovi salvavita obbligatori per i veicoli

  • "Salvini è stato il deputato Ue più influente degli ultimi anni"

  • Greta: Mondo in fiamme come Notre-Dame, ma non ha fondamenta così solide

Torna su
EuropaToday è in caricamento