La Germania limita la possibilità di Facebook di raccogliere i dati degli utenti

Per l'antitrust tedesco "sfrutta abusivamente" la sua posizione dominante che ha grazie al controllo di Whatsapp e Instagram

I social network gestscono na quantità enorme di dati e informazioni sugli utenti. In particolar modo Facebook che controlla anche altre due piattaforme: WhatsApp e Instagram. Per questo l'autorità antitrust tedesca ha chiesto al colosso di Mark Zuckerberg di chiedere il consenso degli utenti prima che i dati raccolti dalle controllate e su siti terzi vengano condivisi sui loro account sul social network e allo stesso tempo che gli utenti che negano il loro consenso alla raccolta dati non vengano esclusi dai servizi di Facebook.

"In futuro non sarà più permesso a Facebook di obbligare gli utenti ad acconsentire a una raccolta dati praticamente illimitata e di assegnare dati non-Facebook agli account Facebook degli utenti" ha detto il capo dell'Ufficio federale per la concorrenza Andreas Mundt. "Se gli utenti non acconsentono, Facebook non dovrebbe escluderli dai suoi servizi e deve evitare di raccogliere e accorpare dati da fonti diverse". L'autorità sta esaminando la pratiche di Facebook da metà 2016, sostenendo che il colosso della Silicon Valley usa altri social network, come le controllate Instagram e Whatsapp, oltre a Twitter e altri siti web, per raccogliere una gran massa di informazioni sugli utenti a loro insaputa. Queste informazioni formano poi la base dei ricavi pubblicitari di Facebook.

La richiesta di assenso specifico alla condivisione dei dati avanzata dall'ufficio è ben diversa dalle ipotesi avanzate della stampa secondo cui l'autorità avrebbe proibito alcune funzioni come i bottoni "Like" o "Share" di cui sono tappezzati i siti terzi. Tuttavia il Bundeskartellamt ha stabilito che Facebook ha una posizione "dominante" nei social network in Germania, con 23 milioni di utenti attivi giornalieri. I servizi rivali, come Snapchat, YouTube o Twitter "offrono solo parti del servizio di un social network" e non sono direttamente comparabili, ha affermato l'autorità. Questo significa che la scelta secca tra l'accettare una raccolta di dati di ogni genere o restare fuori da Facebook "rappresenta soprattutto un cosiddetto sfruttamento abusivo" secondo l'ufficio.

"Stiamo lavorando per introdurre barriere di sicurezza per internet in termini di leggi sulla concorrenza" ha detto Mundt, che ha dato a Facebook quattro mesi per presentare un "concetto" per adeguarsi e un anno per la sua entrata in vigore. Altrimenti, rischia una multa fino a 10 milioni di euro al mese. Facebook ha annunciato che ricorrerà contro la delibera dell'antitrust per che "applica in modo scorretto le leggi antitrust tedesche, fissando norme che si applicano a una sola società". Il colosso californiano ha fatto sapere di essere in “disaccordo” con le conclusioni e ha annunciato l'intenzione di fare appello. "Dobbiamo affrontare una dura concorrenza in Germania", ma l'antitrust “lo ritiene irrilevante”, ha lamentato l'azienda.

Potrebbe interessarti

  • 507 migranti fermi in mare. E il centrosinistra spagnolo fa come Salvini

  • Il Lussemburgo sarà il primo Paese Ue a legalizzare (davvero) la cannabis

  • Migranti, tutte le leggi che viola Salvini

  • “Alcoltest nei porti per bloccare camionisti e conducenti in stato d’ebbrezza”

I più letti della settimana

  • 507 migranti fermi in mare. E il centrosinistra spagnolo fa come Salvini

  • Il Lussemburgo sarà il primo Paese Ue a legalizzare (davvero) la cannabis

  • Migranti, tutte le leggi che viola Salvini

  • "Portate la Tav anche al Sud", l'appello di Al Bano a Bruxelles

  • “Alcoltest nei porti per bloccare camionisti e conducenti in stato d’ebbrezza”

  • Altro che taglio delle accise: il diesel più caro d'Europa è in Italia

Torna su
EuropaToday è in caricamento