"Il bollo auto è discriminatorio e illegale", la Corte Ue condanna la Germania

Lo hanno stabilito i giudici di Lussemburgo secondo cui la misura è discriminatoria in quanto colpisce solo i cittadini di altri Paesi

Foto Ansa EPA/FRIEDEMANN VOGEL

La legge tedesca che impone gli automobilisti stranieri di comprare un bollo per poter viaggiare sulle sue autostrade è discriminatoria e deve essere modificata. Lo stabilisce la Corte di Giustizia dell'Ue, nella sentenza relativa alla causa intentata dall'Austria contro la Germania, a causa di un sistema, il cui apparato giuridico è stato creato nel 2015, che ha introdotto il pagamento di un bollo di 130 euro l'anno, a carico di tutti i proprietari di veicoli immatricolati nel Paese, modulato a seconda del tipo di mezzo, il cui ricavato va a finanziare la manutenzione delle infrastrutture viarie, che in precedenza erano a carico della fiscalità generale.

Le vignette

Per i veicoli immatricolati all'estero, Berlino ha introdotto una 'vignette' da 10 giorni (da 2,5 a 25 euro), da due mesi (da 7 a 50 euro) o di un anno (fino a 130 euro). Fin qui, nessun problema, ma le autorità tedesche hanno introdotto, parallelamente, un'esenzione dalla tassa sugli autoveicoli per i proprietari di quelli immatricolati in Germania, per un importo pari almeno a quello del canone per l'uso delle infrastrutture stradali. Questo significa che di fatto gli unici a pagare siano così gli stranieri. L'Austria aveva chiesto un parere alla Commissione europea ma questa non si è pronunciato entro i termini, così Vienna si è rivolta alla Corte di Giustizia, con un ricorso per inadempimento. Per la Corte Ue il canone, combinato con l'esenzione, costituisce una discriminazione indiretta basata sulla cittadinanza e una violazione dei principi della libera circolazione delle merci e della libera prestazione dei servizi. Per i giudici, infatti, il passaggio ad un sistema basato sul principio dell'utente pagante e del 'chi inquina paga' "riguarda esclusivamente i proprietari e i conducenti di veicoli immatricolati in altri Stati membri".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Discriminazione inguistificata

E la Germania "non ha dimostrato per quali motivi la discriminazione accertata potrebbe essere giustificata da considerazioni ambientali o di altra natura". Tra l'altro, per i giudici le misure "possono ostacolare l'accesso al mercato tedesco dei fornitori e dei destinatari di servizi provenienti da un altro Stato membro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Noi lavoriamo per pagare le vacanze agli italiani", settimanale olandese contro gli aiuti Ue

  • Una targa personalizzata Covid 19: "L'ho fatto per ricordare alle altre auto di tenere la distanza"

  • Voli, voucher al posto del rimborso: Bruxelles striglia i governi. Ma rispondono solo in 12

  • I turisti dal Nord Italia sono un rischio: non lo dice la Grecia ma l’Europa

  • Barbecue con carne e vino mentre erano in servizio, inchiesta su tre poliziotti

  • Anche Orban contro il piano di aiuti Ue all'Italia: "Finanzia i ricchi coi soldi dei poveri"

Torna su
EuropaToday è in caricamento